Amazon Go presto accetterà banconote

Amazon Go presto accetterà banconote

Il negozio di Amazon, dove di norma si paga con il proprio account, permetterà transazioni classiche, anche con contanti

Innovativo si ma anche reale. I vari Amazon Go che presto si spargeranno per gli Stati Uniti (e chissà se pure nel mondo), accetteranno prima o poi anche valute di carta, le classiche banconote valide nel paese esercente. Non si tratta certamente di una rivoluzione ma comunque un piccolo passo indietro rispetto alle innovazioni che il gigante dell’e-commerce aveva in mente. Sebbene l’utilizzo della valuta digitale sia un trend che si sta diffondendo un po’ ovunque, ci sono amministrazioni negli States che pensano che permettere solo transazioni liquide sia una discriminazione nei confronti delle persone che non hanno, o non vogliono, concludere l’affare strisciando il dito sul proprio account Amazon.

Sistema comunque innovativo

La notizia che Amazon intende dare il via a questo possibile cambiamento è stata condivisa dalla CNBC, che ha ottenuto una registrazione di Steve Kessel, vicepresidente senior degli Amazon Store, in cui spiega i piani che introdurrebbero “meccanismi di pagamento aggiuntivi” per affrontare “discriminazioni ed elitarismi”. Probabilmente la scelta non è così in linea con la strategia del gruppo ma apre l’accesso a Go ad una serie di nuovi clienti, per così dire tradizionalisti. “Siamo agli inizi ma è un obiettivo importante per noi e continueremo ad estendere questi metodi per i nostri negozi” ha detto Kessel.

Un portavoce di Amazon ha successivamente confermato i commenti, ma senza aggiungere nulla rispetto a iniziative concrete presso gli store o tempistiche di attivazione. “Verifichi, paghi in contanti e ottieni i tuoi acquisti” – ha aggiunto la compagnia. Che la novità possa creare disagi in quanto a violazioni e furti? Difficile, perché per varcare la soglia ci si dovrà comunque autenticare con il proprio account al quale, se non bastasse, si aggiungono le varie telecamere intelligenti che dominano scaffali e corsie.

Leggi anche:  Google lancia Project Stream, una nuova piattaforma per il gaming streaming