Windows 10 richiederà 32 GB di spazio sull’hard-disk

Windows 10 richiederà 32 GB di spazio sull’hard-disk

Brutta notizia per le macchine più datate, con uno spazio di storage limitato, a causa dell’aggiornamento previsto per giugno

Microsoft ha annunciato un enorme salto nei requisiti minimi per l’esecuzione di Windows 10. Il prossimo aggiornamento di Windows-as-a-Service (WaaS) del maggio 2019 (Build 1903) avrà bisogno di 32 GB di spazio libero sull’hard-disk prima di essere installato, ovvero il doppio del necessario oggi. La notizia vuol dire che un tablet da 32 GB con Windows (e ce ne sono molti) non sarà fisicamente in grado di installare il nuovo sistema operativo, perché anche se si cancella tutto e si resetta da zero, si avrà comunque un disco da 32 GB che verrà registrato come storage da minimo 31,7 GB.

Il motivo? Difficile da capire, ma dopo la Build 1809, che ha causato in molti casi l’eliminazione dei file personali, sembra che la volontà sia quella di attuare una sorta di backup durante il backup, così da non lasciar che si verifichi una criticità simile col prossimo aggiornamento.

Ad ogni modo, la Build 1903 sarà un aggiornamento modesto, con alcune funzionalità interessante, come quella di sandbox, l’accesso ai file Windows da Linux, un nuovo tema leggero e un’anteprima del browser Edge basato su Chromium. Microsoft ha già introdotto l’idea di “spazio riservato”, che impedirà l’accesso esterno a una parte del disco rigido per garantire che gli aggiornamenti, le patch, i file di paging, i punti di ripristino e simili abbiano spazio prima di iniziare a riscrivere il sistema. L’update è attualmente in fase di test per i Windows Insider Program in vista di un rilascio completo tra la fine del mese e i primi di giugno.

Leggi anche:  Il confine sottile tra ieri, oggi e terzo decennio