Xtribe mostra le nuove abitudini di acquisto degli utenti: al centro la ricerca online e l’acquisto offline

Xtribe mostra le nuove abitudini di acquisto degli utenti: al centro la ricerca online e l’acquisto offline

Abbigliamento ed elettronica ai primi posti per gli acquisti che rispondono al fenomeno ROPO (research online, purchase offline)

Cercare informazioni online, sui prodotti, e poi completare l’acquisto offline, negli store fisici: un fenomeno in crescita e sui quali punta i riflettori l’azienda Xtribe che, attraverso una ricerca e un’analisi, ha analizzato le abitudini d’acquisto di 500.000 utenti.

La classifica redatta da Xtribe parla chiaro: al primo posto, per quanto riguarda l’acquisto di prodotti fisici offline dopo una ricerca avvenuta online, troviamo la categoria dell’abbigliamento, che corrisponde al 40% del totale.

Seguono poi i prodotti tecnologici (30%), i videogames (30%), l’area dei motori (20%) e infine i prodotti che sono legati agli hobby e al tempo libero (10%).

“Cercare un abito online, raccogliere informazioni, leggere le recensioni di altri utenti e poi recarsi in un negozio per provarlo, per chiedere consigli agli addetti alle vendita, per lasciarsi ispirare anche da altri vestiti e accessori, è una dinamica in crescita e questi dati lo dimostrano” afferma Mattia Sistigu, CEO di Xtribe.

Il fenomeno ROPO (research online, purchase offline) è in crescita

“Sono dati che fanno riflettere e che evidenziano, per aree specifiche, una chiara presenza e propensione verso il fenomeno del ROPO (research online, purchase offline).

Fenomeno in crescita negli ultimi anni, dove, sempre più persone cercano informazioni online per poi completare l’acquisto nei negozi fisici, dove l’interazione umana e la possibilità di confronto giocano un ruolo fondamentale.

Analizzando questi dati, abbiamo scoperto che l’esperienza di acquisto non deve essere solamente rapida, ma valorizzare anche l’interazione umana ed il contatto diretto tra cliente e venditore”: sono queste le parole che usa Mattia Sistigu per commentare i dati.

Leggi anche:  La PS4 è alla fine del suo ciclo di vita

La ricerca di un’esperienza diretta, al di là dello schermo

“Sappiamo che, attualmente, il 61% degli acquisti viene influenzato dal digitale e che i consumatori non si limitano ad acquistare soltanto online, ma spesso utilizzano la tecnologia per cercare un prodotto adatto alle proprie esigenze, per poi provarlo ed acquistarlo offline, in un negozio fisico. E lo sperimentiamo ogni giorno, grazie a tutti i dati che abbiamo raccolto e analizzato.” prosegue Mattia.