Akamai: gli hacker hanno effettuato 12 miliardi di attacchi contro siti di gioco

Akamai: gli hacker hanno effettuato 12 miliardi di attacchi contro siti di gioco

Gli hacker hanno preso di mira il settore dei giochi effettuando 12 miliardi di attacchi contro siti web nei 17 mesi terminati a marzo 2019, secondo un nuovo rapporto di Akamai

Stando a un recente rapporto di Akamai, gli hacker in giro per il mondo stanno puntando decisamente il mondo dei videogame. Sarebbero infatti almeno 12 miliardi gli attacchi mirati ai danni di siti web dedicati ai giochi, nei 17 mesi che si sono conclusi questo marzo. Ciò mette la comunità tra gli obiettivi in ​​più rapida ascesa nel settore dell’hacking, con i criminali che procedono con il rubare le credenziali per prendere possesso di un account. Nello stesso periodo, Akamai ha visto un totale di 55 miliardi di attacchi di furto di credenziali in totale, nei vari settori.

Cosa sappiamo

Il rapporto rivela inoltre che gli attacchi SQL Injection (SQLi) rappresentano il 65,1% di tutti quelli rivolti alle applicazioni web, con la tipologia LFI (Local File Inclusion) che raggiunge il 24,7%. I dati del rapporto mostrano che i SQLi hanno continuato a crescere ad un ritmo allarmante, con un picco di attività durante la stagione dello shopping natalizio scorso e una tendenza in aumento da allora.

All’inizio di quest’anno i ricercatori di Akamai hanno scoperto un video in cui gli spettatori venivano istruiti su come condurre gli attacchi SQLi contro siti vulnerabili, per poi utilizzare le credenziali e generare elenchi che possono essere sfruttati in attività di riempimento di credenziali contro siti di gioco online. Akamai ha scoperto che quasi il 67% degli attacchi a livello di applicazione riguarda organizzazioni con sede negli Stati Uniti. La Russia è la seconda più grande fonte mentre la Cina è il quarto paese di origine.

Leggi anche:  IBM X-Force: quali sono le armi usate contro le aziende nel 2019