Twitter combatte le fake news con l’IA (delle startup)

Twitter combatte le fake news con l’IA (delle startup)

La lotta contro le bufale si fa serrata con il supporto delle compagnie più innovative che usano l’intelligenza artificiale

Pare che Twitter stia iniziando a prendere più seriamente la lotta contro le notizie false. E lo sta facendo con il supporto di Fabula AI. La startup ha nel suo portfolio di app una tecnologia chiamata “Geometric Deep Learning”, che si racconta sia molto brava ad individuare i falsi post condivisi online, tracciando valutazione e affidabilità. Come funziona la tecnologia non è così chiaro ma si rivolgerà al lavoro di scanning della diffusione di notizie sui social network, utilizzando avanzati algoritmi per capire se ciò che abbiamo dinanzi è un messaggio vero o no, attendibile o solo virale, nella sua bruttezza più spasmodica. Secondo Fabula AI, la piattaforma raggiunge gradi di precisione del 90%. Per questo, “Geometric Deep Learning” viene bene per gestire vasti set di dati che consentono ai normali algoritmi di apprendimento automatico di adattarsi più velocemente al contesto specifico.

Come funzionerà lo scouting di fake news

Tutto dipende dall’intelligenza artificiale, come detto, ma come questa si integri con la piattaforma di Twitter non è dato sapersi, almeno per il momento. E, soprattutto, non sappiamo in che modo sarà in grado di filtrare i contenuti diffusi da persone in carne e ossa, che si dimostrano sempre abbastanza brave a ingannare sistemi intelligenti. “C’è ancora molto lavoro da fare su come integreremo la tecnologia di Fabula, ma di certo ci aiutare a rafforzare i nostri sistemi e le operazioni nei prossimi mesi – ha detto un portavoce di Twitter a TechCrunch – ci vorrà probabilmente del tempo per fare nostri i loro algoritmi di deep learning ma stiamo portando Fabula in squadra, facendo della tecnologia una missione, in vista di una maggiore salute della rete”.

E per salute, Twitter intende quella delle conversazioni sul suo social network. Geometric Deep Learning sarà la base per espandere anche il blocco dello spam e gli abusi sulla piattaforma. Aumentare gli sforzi per fermare le notizie false è una buona mossa da parte di Twitter, forse un po’ tardiva ma tant’è. Il social ha ancora modo per sanare una buona parte della popolazione a cui da voce, purtroppo con poco controllo. Non si finisce infatti di leggere di abusi e minacce dei leoni da tastiera, che non vedono l’ora di attaccare chiunque abbia un’opinione leggermente diversa dalla loro.

Leggi anche:  Spotify facilita la ricerca di nuovi artisti per gli utenti Premium