Ai leader è richiesto un nuovo stile di leadership più empatico, che paga anche in termini economici

Ai leader è richiesto un nuovo stile di leadership più empatico, che paga anche in termini economici

Nel mondo, le imprese che l’hanno messo in pratica hanno ottenuto una crescita maggiore del 22% dei ricavi e del 34% dei profitti

Nell’odierna economia digitale, è sempre più importante che i leader aziendali accrescano abilità come empatiaintuizione, interpretazione emotiva e capacità di essere creativi, tipiche dell’emisfero destro del cervello. Per il 73% dei top manager italiani, però, queste competenze rappresentano proprio il loro punto debole (a livello globale, secondo il 65% dei leader).

La maggior parte dei manager che compone l’attuale C-suite in Italia (83%, vs l’89% a livello globale) ha una formazione economica, scientifica o tecnologica ed utilizza prevalentemente le funzionalità dell’emisfero sinistro del cervello – tra cui, ad esempio, ragionamento analitico, capacità di prendere decisioni e orientamento ai risultati. Per quanto queste capacità rimangano sempre preziose, i top manager riconoscono la necessità di rafforzare le competenze dell’emisfero destro, per arrivare a un approccio di leadership bilanciato, che integri a tutto tondo abilità analitiche ad una componente empatica ed istintiva. Ad oggi, infatti, soltanto l’8% dei manager nel mondo afferma che l’azienda per cui lavorano è caratterizzata da questo stile di leadership; è considerata, però, una necessità dall’82% di loro, che si aspetta un’evoluzione della propria azienda verso questo approccio nei prossimi tre anni.

Sono questi i principali risultati di uno studio di Accenture Strategy, intitolato “Whole-Brain Leadership: The New Rules of Engagement for the C-suite” e basato sulle opinioni di top manager, dipendenti e consumatori in Italia e nel mondo.

Diverse pressioni spingono i vertici aziendali ad adottare il nuovo approccio: la rivoluzione tecnologica, le caratteristiche dei mercati in veloce trasformazione e la necessità di coinvolgere dipendenti e consumatori, che sono stakeholder sempre più cruciali nello stimolare le azioni delle imprese e nel determinare la rilevanza e il valore di un brand. In particolare, lo studio di Accenture Strategy ha individuato un insieme di dipendenti e consumatori definiti ‘Esploratori”, che per il loro mindset orientato al miglioramento della collettività e per le caratteristiche peculiari di forte motivazione e auto-determinazine sono in grado, più degli altri, di influenzare le decisioni del management e l’andamento di un’azienda. SI tratta di un “super-gruppoche dev’essere tenuto in grande considerazione dai leader perché, se ascoltati e ingaggiati correttamente, possono accelerare il cambiamento necessario ad essere competitivi nel mercato odierno. Ciò che più si aspettano gli esploratori è uno stile di leadership bilanciato tra capacità analitiche e creativo-relazionali; in particolare vorrebbero dei leader più empatici, più intuitivi, più inclusivi e capaci di comprendere e valorizzare diversi stili di pensiero.

Leggi anche:  Think Summit, IBM Studios apre a Milano

Gli Esploratori sono un gruppo cross-generazionale – distribuito uniformemente tra generi ed età, dalla Generazione Z ai Baby Boomer – che ha una possibilità cinque volte maggiore di influenzare le decisioni dei propri dei datori di lavoro o dei brand che comprano: il 63% di questi influenti stakeholder (71% a livello globale), ritiene di avere il potenziale per influenzare il valore di un’azienda nel lungo termine e il 48% (vs 61% a livello globale) di loro ha già compiuto azioni dirompenti esprimendo il proprio disappunto in qualità di cliente. È un insieme di persone molto attive, che ha a cuore il bene comune della propria azienda e della società in cui vivono piuttosto che la propria individualità; rappresenta il 32% dei dipendenti (31% a livello mondiale) e il 24% dei consumatori (24% a livello mondiale).

L’83% di questi (79% a livello globale) afferma che sono stati i social media ad aumentare la propria forza, permettendo di far sentire la propria voce all’interno delle imprese in cui lavorano o in qualità di consumatori. Il 41% (71% a livello mondiale) dichiara, infatti, che sono riusciti ad influenzare il comportamento di un brand di cui sono clienti proprio grazie ai social.

“Per avere successo ed essere apprezzati da dipendenti e consumatori, la C-Suite deve far leva sulla propria capacità di innovazione e sull’interpretazione emotiva, riposizionando sé stessi e il brand che guidano in modo da essere grado di anticipare le esigenze del mercato e dei consumatori. Combinare un approccio analitico a uno più empatico-creativo è diventato ormai essenziale: nel mondo, le imprese che hanno messo in pratica uno stile di leadership bilanciato hanno visto, negli ultimi tre anni, una crescita media più alta del 22% per i ricavi e del 34% per i profitti.” ha commentato Marco Morchio, Accenture Strategy Lead per l’Italia. “La grande sfida per i manager italiani è quella di evolversi in quest’ottica e riuscire ad adottare un modello operativo caratterizzato da una grande agilità competitiva. È un approccio in linea con le aspettative degli Esploratori italiani: un pubblico altamente influente che i vertici aziendali devono sapere valorizzare tenere in grande considerazione, molto abili nell’utilizzo delle tecnologie digitali e capaci di influenzare l’andamento di un brand sia come consumatori che dipendenti”.

Leggi anche:  La consumer journey di ALDO all’insegna del cloud con Talend

Come adottare il nuovo approccio di leadership bilanciato

Adottare uno stile di leadership bilanciato comporta una serie di azioni che le imprese dovranno mettere in atto velocemente.

  1. Colmare il gap di competenze empatico-creative: i vertici aziendali dovranno trovare un nuovo bilanciamento tra le competenze analitico-scientifiche e quelle creativo-relazionali. I manager sono consapevoli di quanto questo cambiamento sia necessario e 9 manager su 10 stanno già mettendo in atto comportamenti per evolversi. Nell’80% delle imprese (55% a livello globale) i C-level si stanno riqualificando in quest’ottica e nel 40% (46% a livello globale) delle organizzazioni sono stati assunti nuovi talenti in linea con lo stile di leadership bilanciato.
  2. Evolvere lo stile di leadership tradizionale per coinvolgere il gruppo degli Esploratori: ascoltando la loro voce e mettendo in pratica le loro idee, la C-suite troverà dei preziosi alleati e rafforzerà la propria leadership. Facendo leva sul loro approccio innovativo, le imprese trarranno vantaggi significativi: gli Esploratori sono due volte più motivati a fare del proprio meglio in campo professionale e, in quanto consumatori, hanno una probabilità due volte superiore di scegliere un brand più costoso perché in linea con i propri valori.
  3. Guidare il cambiamento dell’intera impresa integrando competenze data-led e human-centered a tutti i livelli, per rendere l’impresa più competitiva. La C-suite dovrà costruirsi un nuovo equilibrio prima a livello personale, per poi estendere il nuovo approccio a tutti i livelli aziendali. L’approccio bilanciato permetterà di avere successo nell’odierna economia digitale, caratterizzata da cambiamenti dirompenti.