Gruppo Piaggio: ecco i risultati al 30 settembre 2019

VMware, i risultati finanziari del quarto trimestre e dell’anno fiscale 2020

Al 30 settembre 2019 il Gruppo Piaggio ha registrato performance decisamente migliori rispetto al corrispondente periodo dello scorso anno, la crescita di tutti i principali indicatori di conto economico, l’aumento dell’utile netto, maggiori investimenti e la riduzione del debito

Il Consiglio di Amministrazione di Piaggio & C. S.p.A. (PIA.MI), riunitosi sotto la presidenza di Roberto Colaninno, ha esaminato e approvato il resoconto intermedio di gestione al 30 settembre 2019.

Andamento economico-finanziario del Gruppo Piaggio al 30 settembre 2019

I ricavi netti consolidati del Gruppo sono stati pari a 1.200,5 milioni di euro, in crescita del 9,8% rispetto ai 1.093,7 milioni di euro registrati al 30 settembre 2018 (+8,2% a cambi costanti).

Il margine lordo industriale è stato pari a 363,7 milioni di euro, con un incremento dell’8,8% (7,8% a cambi costanti),rispetto ai 334,4 milioni di euro registrati al 30 settembre 2018. L’incidenza del margine lordo industriale sul fatturato netto è pari al 30,3% (30,6% al 30 settembre 2018).

L’evoluzione del conto economico sopra descritta porta a un EBITDA consolidato di 188,8 milioni di euro, in crescita del 13,8% (+13,2% a cambi costanti)rispetto ai 166 milioni di euro registrati al 30 settembre 2018.

L’EBITDA margin è pari al 15,7%, il valore più alto mai registrato nel periodo di riferimento dal 2006 (data dell’Ipo) (15,2% al 30 settembre 2018).

Escludendo gli effetti dell’IFRS 16, l’Ebitda al 30 settembre 2019 sarebbe pari a 183,2 milioni di euro, con un’incidenza sul fatturato pari a 15,3% (anche in questo caso l’EBITDA margin sarebbe il valore più alto mai registrato nel periodo di riferimento dal 2006).

Il risultato operativo (EBIT) è stato pari a 99,5 milioni di euro, in crescita del 17,2% rispetto agli 84,9 milioni di euro del 30 settembre 2018. L’EBIT margin è pari a 8,3% (7,8% al 30 settembre 2018). Escludendo gli effetti dell’IFRS 16, l’EBIT sarebbe pari a 99,1 milioni di euro.

Il risultato ante imposte del periodo è stato pari a 81,5 milioni di euro, in crescita del 23,3% rispetto a 66,1 milioni di euro registrati al 30 settembre 2018. Le imposte di periodo sono state pari a 35,4milioni di euro, con un’incidenza del 43,5% sul risultato ante imposte.

L’utile netto consuntivato dal Gruppo Piaggio al 30 settembre 2019 è stato di 46 milioni di euro, in crescita del 26,7% rispetto ai 36,3 milioni di euro registrati al 30 settembre 2018.

L’indebitamento finanziario netto (PFN) al 30 settembre 2019 risulta pari a 405,1 milioni di euro, in linea con il dato al 30 settembre 2018 e in miglioramento di 24,1 milioni di euro rispetto ai 429,2 milioni al 31 dicembre 2018 nonostante l’impatto negativo pari a 19 milioni di euro derivanti dell’adozione del principio contabile IFRS 16 e quello derivante dalla modifica alla politica sui dividendi introdotta a luglio 2019, con un ulteriore effetto negativo di 19,6 milioni di euro.

Leggi anche:  Lenovo: terzo trimestre da record

Escludendo tali effetti, l’indebitamento finanziario netto adjusted risulta pari a 366,5 milioni di euro, in miglioramento di 38,6 milioni di euro rispetto al 30 settembre 2018 e in miglioramento di 62,7 milioni di euro rispetto al 31 dicembre 2018.

Nel periodo di riferimento il Gruppo Piaggio ha consuntivato investimenti per 91,6 milioni di euro, in aumento del 26,7% rispetto ai72,2 milioni di euro registrati al 30 settembre 2018.

Andamento dei business al 30 settembre 2019

Al 30 settembre 2019 il Gruppo Piaggio ha venduto complessivamente nel mondo 479.200 veicoli, in crescita del 2,1% (469.400 al 30 settembre 2018), registrando ricavi consolidati per 1.200,5 milioni di euro.

Nel periodo il Gruppo ha registrato un forte incremento dei volumi di vendita in particolare nell’area Asia Pacific due ruote (+18,7%), seguita dall’area Emea e Americas (+4%), mentre l’India ha subito una leggera flessione dei volumi (-4,6%), principalmente causata da un generalizzato rallentamento dei consumi nel sub-continente.

Due ruote

Al 30 settembre 2019 il Gruppo ha venduto nel mondo 321.900 veicoli a due ruote, in crescita del 3,1% (312.200 al 30 settembre 2018), per un fatturato netto di 854,1 milioni di euro (+10,6% rispetto a 772,3 milioni di euro al 30 settembre 2018).

Il dato include anche i ricambi e accessori, che hanno registrato un fatturato pari a 102,1 milioni di euro, in crescita del 4,4%.

Al 30 settembre 2019 il Gruppo Piaggio ha registrato un ottimo andamento delle due ruote nell’area Asia Pacific (+18,7% volumi, +27,5% fatturato) e una performance positiva nell’area Emea e Americas (+2,5% volumi, +8% fatturato), mentre il mercato indiano, come già anticipato, ha segnato un rallentamento.

In Europa il Gruppo Piaggio ha confermato la leadership nel segmento scooter con una quota del 24,3%, e sul mercato nordamericano degli scooter il Gruppo ha mantenuto un forte posizionamento con una quota del 22,9%.

Il settore scooter ha segnato un andamento molto positivo con una crescita del fatturato del  9%, trainato principalmente dal brand Vespa, dalle ottime performance dello scooter a tre ruote, Piaggio Mp3, del Piaggio Liberty e degli scooter Aprilia.

Leggi anche:  FireEye acquisisce Cloudvisory

Il settore moto del Gruppo ha chiuso i nove mesi del 2019 con un fatturato in crescita di oltre il 23%, principalmente grazie alla performance del brand Moto Guzzi che ha riportato un consistente incremento spinto dalla nuova Moto Guzzi V85TT. Positive anche le vendite del  marchio Aprilia, principalmente mosse dagli acquisti delle supersportive della famiglia RSV4.

Veicoli commerciali

Nel settore dei veicoli commerciali il Gruppo Piaggio ha venduto nel periodo 157.400 unità, in linea con lo stesso periodo dell’anno precedente (157.200 al 30 settembre 2018), consuntivando un fatturato netto pari a 346,4 milioni di euro, in crescita del 7,8% rispetto ai 321,4 milioni di euro al 30 settembre 2018. Il dato include i ricambi e accessori, che hanno registrato vendite per 38,4 milioni di euro, in crescita del 7,5%.

A livello geografico l’incremento più rilevante è stato registrato nell’area Emea e Americas (+27,8% volumi; +16,1% fatturato). In India, il Gruppo Piaggio ha venduto 142.500 veicoli commerciali, con un fatturato in crescita del 5,6% nonostante la lieve contrazione dei volumi
(-2,1%).  Laconsociata PVPL si è attestata su una quota complessiva del mercato indiano dei 3 ruote del 23,8% confermando inoltre la leadership nel segmento del trasporto merci (cargo) con una quota di mercato del 42,9%.

Piaggio Fast Forward

Piaggio Fast Forward (PFF), la società del Gruppo Piaggio con sede a Boston incentrata sulla robotica e mobilità del futuro, ha presentato alla stampa americana il primo innovativo progetto, Gita, un robot carrier della tipologia “follow me”, unico nel suo genere, in grado di trasportare pesi fino a 20 kg e di seguire il proprietario in ambienti interni ed esterni, con una velocità massima di 10 chilometri orari e un’autonomia di 4 ore.

L’avvio della produzione di Gita su larga scala è previsto per la seconda metà di novembre nel nuovo stabilimento di Piaggio Fast Forward situato nel quartiere Charlestown, a Boston.
La commercializzazione prevede una prima fase dedicata al mercato statunitense, dove la circolazione di robot per le strade cittadine è già disciplinata.

Eventi di rilievo al 30 settembre 2019 e successivi

A integrazione di quanto già riportato nel presente testo o comunicato in sede di approvazione dei risultati relativi al primo semestre 2019 (Consiglio di Amministrazione del 26 luglio 2019), si riportano di seguito i principali eventi del periodo e successivi.

Leggi anche:  Grande successo per Zucchetti experience 2020 di Madrid

Il 27 agosto (come già comunicato in tale data) il GruppoPiaggio ha ricevuto notifica di una sentenza di primo grado, resa ad esito di un giudizio instaurato da un proprio fornitore nel 2009 (di cui è stata data puntuale informativa nel bilancio annuale e nella semestrale). La Società ha proposto appello avverso la sentenza ritendendo la decisione del Tribunale di Pisa viziata sotto molteplici aspetti.

Il 6 settembre Vespa ha siglato con il designer Sean Wotherspoon, astro nascente della moda giovane negli Stati Uniti, un accordo per creare un’edizione speciale e limitata di Vespa Primavera con un casco dedicato, e un’esclusiva capsule collection di streetwear. Questa collaborazione è la prima di una serie che nel prossimo futuro porteranno Vespa e gli altri marchi del Gruppo come Moto Guzzi e Aprilia a essere maggiormente presenti nel mondo del design e della moda, a cui naturalmente appartengono.

Il 1° ottobre Alessandra Simonotto, già responsabile Amministrazione e Bilancio nonché Dirigente Preposto alla Redazione dei Documenti Contabili Societari del Gruppo Piaggio, ha assunto l’incarico di CFO del Gruppo.

Evoluzione prevedibile della gestione

In un contesto di rafforzamento del Gruppo Piaggio sui mercati globali, il Gruppo si impegna a:

  • confermare la posizione di leadership nel mercato europeo delle due ruote, sfruttando al meglio la ripresa prevista attraverso un ulteriore rafforzamento della gamma prodotti, sia scooter sia moto;
  • mantenere le attuali posizioni sul mercato europeo dei veicoli commerciali, rafforzando la rete di vendita;
  • consolidare la presenza nell’area Asia Pacific, esplorando nuove opportunità nei Paesi dell’area, sempre con particolare attenzione al segmento premium del mercato;
    rafforzare le vendite nel mercato indiano dello scooter grazie all’offerta di prodotti Vespa ed Aprilia;
  • incrementare la penetrazione dei veicoli commerciali in India, grazie anche all’introduzione di nuove motorizzazioni.

Dal punto di vista tecnologico il Gruppo Piaggio proseguirà nella ricerca di nuove soluzioni ai problemi della mobilità attuali e futuri, grazie all’impegno di Piaggio Fast Forward (Boston) e di nuove frontiere del design da parte di PADc (Piaggio Advanced Design center) a Pasadena.

In linea più generale resta infine fermo l’impegno – che ha caratterizzato questi ultimi anni e che caratterizzerà anche le attività nel 2019 – di generare una crescita della produttività con una forte attenzione all’efficienza dei costi e degli investimenti, nel rispetto dei principi etici fatti propri dal Gruppo.