Ricoh porta a Viscom 2019 creatività, digital e tanto colore

Ricoh porta a Viscom 2019 creatività, digital e tanto colore

In un ecosistema perfetto come quello di una giungla, la società apre lo stand alle novità e alle nuove macchine sempre più dedicate agli arredi, anche urbani, e a colori più brillanti e di veloce asciugatura, utili per le stampe su tessuti

Ricoh porta a Viscom 2019 un altro tassello di creatività. Dopo il lancio, lo scorso anno, della soluzione flatbed, di cui già oggi ve ne sono una decina installate, il gruppo Industrial si sta muovendo anche sulla digitalizzazione di alcuni segmenti di stampa, in particolare, sui progetti verticali. Giorgio Bavuso, direttore Commercial e Industrial Printing di Ricoh Italia, si sofferma sui mercati Sign & Display, Garment Decoration e Industrial Printing sottolineando come, anche in Italia, ci siano le persone, le skill e le competenze necessarie per portare avanti un percorso di sviluppo.

“In un ecosistema perfetto come quello della giungla – commenta Ilaria Vivi, Channel Marketing, Commercial and Industrial Printing di Ricoh Italia – tutte le tecnologie Ricoh danno vita a un mondo in cui l’immaginazione e l’innovazione sono in sinergia”. E, infatti, il cuore dello stand è rappresentato da un leone, animale che si distingue da tutti gli altri esattamente come le tecnologie Ricoh si distinguono da molte altre presenti sul mercato. “Quest’anno – continua Vivi – abbiamo puntato sulla creatività, non solo nostra, ma anche quella dei nostri clienti, parlando loro di novità. Abbiamo puntato su materiali differenti e lanciato la stampa su soluzioni e su installazioni. Sulle pareti dello stand abbiamo utilizzato vinili in bianco e trasparente, metallo per lavorare nel mondo dei pop up e, in fiera quest’anno, abbiamo portato le applicazioni. Abbiamo lavorato con il cliente Mar.Si Grafica di Trezzano sul Naviglio, specializzato nel mercato della stampa digitale nell’abbigliamento e nelle stampe su bag, tanto che il materiale tessile presente allo stand è stato stampato da loro”.

Leggi anche:  Epson a ISE 2019 annuncia un nuovo videoproiettore laser

Per quanto riguarda la stampa personalizzata su capi d’abbigliamento (Direct to Garment) Vivi mostra una vetrina applicativa che presenta i prodotti finiti realizzati con il modello Ricoh Ri1000 da aziende del settore che hanno già scelto questa e le altre soluzioni Ricoh DTG. In particolare, la tecnologia di questo modello è Inkjet drop on demand con 4 teste inkjet su 8 canali per 1200×1200 dpi; area di stampa da 406×508 mm al massimo e si presta per stampare su capi d’abbigliamento come t-shirt e felpe e accessori 100% cotone, 50% cotone, 100% poliestere chiaro. Le configurazioni sono in quadricromia + white con sistema di ricircolo dell’inchiostro bianco. Ricoh ha presentato la nuova tecnologia proprietaria latex roll to roll Ricoh Pro L5160 dedicata al mondo Graphic Arts.

A fianco di questa novità sotto i riflettori si è piazzata Ricoh Pro T7210, la soluzione flatbad top di gamma, ideale per la stampa su materiali rigidi nel settore Visual Communication e Industrial Decoration.In particolare, presentando il modello L5160, Mauro Borghi, Inkjet Sales Specialist, Divisione Commercial and Industrial Printing di Ricoh Italia, ha sottolineato come ci sia stato un intervento migliorativo degli inchiostri rendendo i colori più luminosi. La configurazione inchiostro presentata a Viscom 2019 ha visto la quadricromia, 4 canali dedicati al bianco e una testa del bianco, funzionali per stampare con elevati livelli di produttività. Inoltre, vi sono stati miglioramenti nell’ambito della pulizia grazie a una ciclicità automatica sulle teste di stampa. Il caricamento è posteriore con la gestione delle bobine da 55 chilogrammi per produzioni. Infine un cenno sulla temperatura con tre aree di asciugatura in modo da consentire un più ampio range di materiali da utilizzare.

Leggi anche:  La stampa è finita, lunga vita alla stampa!

Bavuso ha poi affermato di essere in procinto di creare un canale verticale specializzato nel mondo delle stampanti Inkjet e cita un paio di accordi: uno con una società di Padova e, quest’anno, con un’altra società per la distribuzione nel centro-sud Italia.