Gli Intel Comet Lake-S pronti per aprirle 2020

Intel introduce la microarchitettura Tremont

La prossima generazione di processori dovrebbe essere rilasciata il prossimo aprile, con il seguente arrivo dei primi computer

Nel giro di quattro mesi, Intel dovrebbe lanciare sul mercato la next gen di processori casalinghi, i Comet Lake-S. Almeno questo è quanto secondo il sito di Hong Kong HKEPC, che ha notato che il chipset della scheda madre Z490 di fascia alta sarà rilasciato nell’aprile del prossimo anno. Questi processori non saranno chip da 10 nanometri come le CPU mobili Ice Lake di Intel, anche se il produttore ha promesso che prima o poi le controparti desktop da 10 nm arriveranno sugli scaffali. Piuttosto, i Comet Lake-S si evolveranno assumendo la consolidata architettura a 14 nm, un aggiornamento non rivoluzionario ma concreto.

Come sarà la nuova “cometa”

Dai Lake-S possiamo aspettarci processori con un massimo di 10 core per il modello top i9, otto core per il Core i7 e sei per il Core i5. Come tale, le CPU saranno un’evoluzione delle CPU desktop di nona generazione piuttosto che un cambiamento radicale. Con queste configurazioni di base andranno a migliorare, quasi certamente, prestazioni ed efficienza, con Intel che si lancerebbe come alternativa ai consolidati processori AMD Ryzen di terza generazione. Basato sull’architettura 7nm Zen 2, proprio i Ryzen offrono maggiori istruzioni per clock, con la Serie 3000 che sinora a soddisfatto per bene le aspettative.

Aprile non è lontano e, soprattutto, le Ryzen saranno in circolazione da un po’, quindi Intel potrebbe rispondere alla competizione con leggero ritardo ma con qualcosa di più elevato. Noi ci basiamo sul rapporto di HKEPC, che potrebbe tranquillamente non essere corretto e avere una sequenza temporale sbagliata, almeno nel merito dei chip di decima generazione. Al momento della stesura, non sappiamo con certezza su quali tempistiche Intel stia lavorando e probabilmente non lo sapremo prima dell’inizio del Ces, agli albori di gennaio.

Leggi anche:  Galaxy Note 20, Samsung si lascia sfuggire un’immagine