Microsoft porta il Fluent Framework di Office su iOS e Android

microsoft office android

Le versioni mobili della suite di produttività della casa di Redmond beneficiano del nuovo framework di visualizzazione “fluido”

Microsoft sta portando il suo framework “fluido”, ossia Fluent Framework, alle versioni mobili della sua suite di app Office. Il cambiamento è attualmente in corso e vedrà anche l’introduzione di alcune tecniche che potrebbero cambiare alcuni dei modi in cui lavoriamo oggi con i file di Offici su smartphone e tablet. In collaborazione con Microsoft Research, la società integrerà anche quelle che chiama tecniche di “micro-produttività”. Redmond lo ha ben spiegato con un post sul blog: «Il nostro obiettivo è fornire nuovi modi per raggiungere obiettivi più piccoli che contribuiscano a una maggiore produttività, invece di mettere da parte grossi pezzi di tempo ininterrotto. Attualmente, ci stiamo concentrando sulla scrittura come un potenziale dominio in cui i micro-task possono essere utilizzati per creare contenuti, così come in una varietà di altri ambiti, come la codifica e l’educazione».

Il valore dei micro-task

Non è chiaro come questi concetti si manifesteranno in Office per dispositivi mobili ma il Fluent Framework è sicuramente qualcosa di attendibili quale modo per fornire una base collaborativa per il lavoro. Insomma, un framework standardizzato che ha dalla sua la possibilità di semplificare notevolmente la compatibilità dei progetti durante la collaboration. Secondo Microsoft, ciò aiuta anche internamente la creazione di iniziative volte ad aiutare le persone a sfruttare al meglio le attività di Office.

E gran parte di tali cambiamenti sono dovuti ai prossimi Surface, dispositivi a doppio schermo che avranno bisogno di un po’ di adattamento ulteriore per gestire in maniera nativa le app di Office. Già adesso, Microsoft ha reso disponibili le versioni aggiornate di Word, Excel, Powerpoint, Outlook e OneDrive, con Yammer, Teams e Planner che arriveranno a breve. Per scaricare ogni app, basta visitare il proprio app store, iOS o Android che sia.

Leggi anche:  Simulazione di Industria 4.0 al Digital Enterprise 365 di EOS Solutions