Key Partner: il CdA delibera un Aumento di Capitale Sociale fino a 500mila Euro

Key Partner: il CdA delibera un Aumento di Capitale Sociale fino a 500mila Euro
Ascolta l'articolo

Approvato il piano industriale e il bilancio annuale: fatturato pari a 8,1 mln Euro nel 2019 (+25% sul 2018), previsto il raddoppio entro il 2022

Il Consiglio di Amministrazione di Key Partner, digital integrator italiano e indipendente, ha deliberato un aumento di capitale finalizzato all’implementazione del piano industriale a 3 anni.

Il Capitale Sociale viene pertanto portato da 110mila fino a 500mila Euro, rafforzando così ulteriormente la struttura patrimoniale e finanziaria di Key Partner.

Il Consiglio di Amministrazione ha inoltre approvato il bilancio della Società, che ha evidenziato per il 2019 un fatturato pari a circa 8,1 milioni di Euro, in crescita del 25% rispetto al 2018 e, complessivamente nel biennio, di oltre il 50% rispetto al 2017.

Il piano industriale approvato, elaborato in ipotesi di crescita organica, punta all’obiettivo di raddoppio del fatturato entro il 2022, attraverso linee guida che prevedono, tra l’altro, la definizione di nuove partnership con vendor di software e l’accelerazione nello sviluppo di nuove business unit.

Nel ruolo di Amministratore Delegato della Società, inoltre, è stato confermato il socio di maggioranza Lino Del Cioppo.

“L’aumento di capitale rappresenta un importante segnale di continuità, volontà di investire e potenziare la nostra offerta, guardando con ottimismo al futuro – ha dichiarato Lino Del Cioppo, co-founder e Amministratore Delegato di Key Partner – Pur in un contesto generale non semplice, come è quello attuale, siamo ambiziosi e consapevoli di poter crescere molto, grazie alla capacità di essere protagonisti nel percorso obbligato di digital transformation del nostro Paese”.

“E’ un motivo di grande orgoglio – ha concluso Del Cioppo – pensare che Key Partner sia nata appena dieci anni fa da un piccolo nucleo di professionisti del settore e che oggi i dipendenti siano più di 150, a dimostrazione di come nella nostra storia abbiamo saputo valorizzare le splendide qualità umane e professionali delle persone che lavorano qui”.

Leggi anche:  L’impatto del Digital Trust sui workflow documentali