Per le utilities arrivano gli Smart Energy Services di Capgemini

Capgemini lancia una nuova linea globale di servizi per estendere le best practices alle utilities di tutto il mondo

Capgemini lancia Smart Energy Services, una nuova linea globale di servizi che fornirà alle utilities di tutto il mondo l’intera gamma di soluzioni “smart metering”, “smart grid”, “smart home” e “smart analytics”. L’offerta fa leva su una serie di servizi consolidati e best practices, sviluppati con successo da Capgemini dal 2004 in collaborazione con oltre 20 utilities dell’America del Nord e dell’Europa.

Al centro della nuova offerta Smart Energy Services figura anche Managed Business Services, un modello esclusivo pay per use concepito per offrire alle utilities la massima flessibilità e per ridurre i rischi minimizzando gli investimenti iniziali.

Secondo Gartner: “Entro il 2014, le grandi quantità di dati provenienti dalle reti intelligenti costringeranno le utilities a raddoppiare gli investimenti in sistemi di business intelligence in tempo reale”. In risposta al cambiamento climatico globale e al crescente fabbisogno energetico, i leader mondiali e i governi a tutti i livelli stanno imponendo alle utilities una vera e propria trasformazione.

Capgemini lavora a stretto contatto con i clienti del settore energetico per guidarli attraverso questa trasformazione, in modo che conseguano le riduzioni di CO2 e offrano al contempo una scelta ampia, controllo e convenienza impareggiabili ai loro clienti.

Capgemini ha annunciato recentemente un importante accordo di Smart Energy Services con Fortum, società energetica leader della regione del Nord Europa. Questa ultima operazione va ad aggiungersi alla lunga serie di successi che Capgemini ha registrato in Europa e Nord America, dove il gruppo collabora già con Hydro One, grande impresa di trasmissione e distribuzione di energia elettrica, controllata dalla provincia dell’Ontario.

Leggi anche:  Talend è leader nel Magic Quadrant di Gartner per gli strumenti di integrazione dati

Myles D’Arcey, Vice Presidente Senior di Hydro One, ha commentato: “Capgemini ha lavorato a stretto contatto con il nostro gruppo sin dal lancio dell’iniziativa Advanced Metering Infrastructure (AMI) e devo ammettere che il suo contributo è stato fondamentale per il successo del progetto. La società vanta una storia di tutto rispetto quando si tratta di offrire soluzioni complete in grado di soddisfare efficacemente gli obiettivi del nostro programma, riducendo i rischi correlati a questo genere di attività.”

“Negli ultimi anni il crescente interesse dimostrato dall’intero settore nei confronti della tecnologia “smart grid” conferma che la crescita del mercato è inevitabile, anche se assisteremo ad una trasformazione del modo in cui le utilities fanno affari”, ha affermato Perry Stoneman, Vice Presidente e leader globale dell’iniziativa Smart Energy Services di Capgemini.

“Per ridurre il rischio correlato a questo tipo di cambiamento, gli attori chiave sono alla ricerca di un partner in grado di offrire soluzioni per far fronte alle attuali esigenze imprenditoriali e consentire la trasformazione del mondo degli affari di domani. Ritengo che l’esperienza e l’eredità di Capgemini in questo ambito ci rendano il partner ideale per molte utilities.”

“L’Italia è stata tra le prime nazioni al mondo ad adottare sistemi di smart metering elettrici e ora si appresta a essere il primo Paese in Europa a installare i contatori elettronici per il gas” ha sostenuto Antonio Michelon, Senior Manager e focal point italiano dell’iniziativa globale Smart Energy Services. “Capgemini è in grado di offrire competenze e soluzioni a tutte le imprese italiane che devono adottare, per esigenze di conformità normativa e di business, sistemi di smart energy”.

Leggi anche:  Il percorso di crescita di FabricaLab

I clienti di Capgemini beneficiano dei rapporti di lunga data e dell’esperienza operativa del sistema di alleanze con partner tecnologici come Cisco, GE Energy, HP, Intel, Itron, Landis+Gyr, Oracle, SAP AG, Teradata Corporation e Trilliant.

Insieme a molti dei partner sopra elencati, Capgemini è uno dei membri fondatori di Smart Energy Alliance (SEA). Istituita nel 2006, la SEA è stata determinante per lo sviluppo di molte innovazioni che sono alla base del settore dell’energia intelligente di oggi.

La società, che è anche una voce influente all’interno dei gruppi che si occupano degli standard di interoperabilità, come l’Institute of Energy Conservation (IEC) e l’Institute of Electrical and Electronics Engineers (IEEE), è vicina alle società di venture capital che investono in innovazione nel florido settore delle energie rinnovabili.

La costituzione della nuova divisione globale Smart Energy Services rappresenta l’ultima fase della più grande iniziativa di crescita di Capgemini che rientra nel programma ‘Business as Unusual’. È stato lanciato con un importante investimento in capacità di Business Information Management del gruppo, seguito dagli annunci di nuovi servizi globali quali l’Application Lifecycle Services, i Testing Services integrati e gli Infostructure Transformation Services. Con queste cinque offerte strategiche Capgemini ha intenzione di incrementare di 800 milioni di euro il proprio giro d’affari nel 2010.