Duplomatic Oleodinamica per crescere sceglie un data center sclabile e flessibile

La società si è affidata a CDM Tecnoconsulting per implementare la virtualizzazione e le componenti della nuova infrastruttura

Duplomatic Oleodinamica (www.duplomatic.com) è un’azienda fortemente innovativa che opera nel campo delle macchine utensili e in particolare nel segmento dei copiatori oleodinamici attraverso due business unit specializzate, Componenti e Sistemi, create nel 2008 al termine di una riorganizzazione.

Uno dei primi passi strategici della rinnovata azienda è stato quello di dare vita

a una nuova e indipendente infrastruttura informatica, capace di replicare e di migliorare i servizi utilizzati in passato in maniera condivisa a livello di gruppo,

sia per quanto concerne le risorse hardware che per quelle software. E cioè otto server adibiti a gestire posta elettronica, soluzioni di sicurezza e file system e un sistema AS/400 con a bordo un pacchetto ERP.

La necessità di ripartire da zero è stata trasformata da Duplomatic  Oleodinamica in una grande opportunità per realizzare un nuovo data center che, utilizzando un’avanzata piattaforma di virtualizzazione, potesse garantire le stesse funzionalità della precedente architettura aggiungendo al contempo dinamicità e flessibilità all’organizzazione It e riducendo i costi di gestione.

La Soluzione

La scelta della piattaforma di virtualizzazione è caduta su Windows Server 2008 e Microsoft Hyper V perché ritenuto il pacchetto migliore per le sue specifiche esigenze sotto il profilo economico, della scalabilità della soluzione e sotto quello della standardizzazione dell’infrastruttura It.

«Il nuovo progetto di virtualizzazione – ha affermato Roberto Renzini, responsabile It di Duplomatic Oleodinamica – è stato perseguito con il preciso fine di rendere il sistema informatico più rispondente alle esigenze aziendali, più capace di ottenere il massimo dalle risorse disponibili all’interno dell’infrastruttura e maggiormente scalabile sotto l’aspetto della gestione e della sicurezza».

Replicato in toto l’ambiente gestionale su AS/400, l’azienda si è quindi impegnata nel corso del 2009 ad analizzare, pianificare e quindi implementare ex novo un sistema di networking completamente basato su prodotti e soluzioni di Hewlett Packard.

Dagli apparati di rete ai server, dalle antenne per la rete Wi-fi che assicurano connettività Internet agli uffici e agli addetti dell’unità produttiva ai sistemi di storage fino ai terminali per la gestione in modalità wireless delle spedizioni a magazzino.

I benefici

I ritorni più importanti ottenuti con la virtualizzazione delle risorse hardware

e software si traducono in un’architettura fortemente orientata all’elevata affidabilità dei sistemi, alla migliore gestione e standardizzazione delle soluzioni applicative.

L’opera di completa integrazione delle componenti hardware e software in ambiente HP e Microsoft è stata resa possibile grazie al contributo e alle competenze di CDM Tecnoconsulting (www.gruppocdm.it), il system integrator che ha seguito pari passo Duplomatic Oleodinamica nel percorso di analisi e implementazione della nuova architettura informatica dell’azienda. I primi effetti concreti dell’opera di ottimizzazione del nuovo data center si sono materializzati con la messa in produzione di soli tre server fisici HP DL 380 G6 e di uno storage HP P2000 adibiti a gestire in rete altre otto macchine virtuali, tra cui il sistema di posta elettronica basato su piattaforma Microsoft Exchange 2007 (in sostituzione del pacchetto Lotus Notes precedentemente utilizzato) e un database relazionale Microsoft SQL Server 2008.

«Abbiamo voluto realizzare una base infrastrutturale solida, flessibile e pronta per assecondare i futuri sviluppi strategici del business aziendale e grazie al prezioso supporto tecnico e consulenziale di un partner come CDM Tecnoconsulting abbiamo raggiunto, nei tempi previsti, l’obiettivo che ci eravamo prefissati a inizio 2009», ha commentato Renzini.

Leggi anche:  TIM: oltre 20 nuovi partner per “Operazione Risorgimento Digitale”