Crowdfunding: via alle nuove piattaforme italiane

Intervista a Tommaso Baldissera Pacchetti di Crowdfundme

Dall’inglese crowd, folla e funding, finanziamento, è un processo di finanziamento dal basso che permette una sorta di “collaborazione al progetto” attraverso piccole donazioni affinché il progetto possa essere realizzato. Sostiene arte, beni culturali, passando per il giornalismo partecipativo, fino all’imprenditoria e alla ricerca scientifica. Il Web, con le sue capacità di coinvolgimento, è un luogo ottimo per svilupparlo. I principi fondamentali del modello li possiamo trovare nel Kapipalist Manifesto, scritto da Alberto Falossi, fondatore della piattaforma Kapipal. Alcune piattaforme: Born2FlyGrowVCIndieGoGoKickstarterMy Show Must Go OnSiamosociSliceThePieSpot.UsUluleYouCapital.

Cos’è Crowdfundme?

Crowdfundme è la piattaforma di CrowdFunding che ho ideato, la soluzione beta è stata realizzata attraverso un team ridotto, devo dire che è ancora possibile realizzare soluzioni su web con poche persone, è certo che dopo la fase di lancio le risorse necessarie saranno maggiori ma siamo pronti.

Per StartUp si intende il momento di “avviamento” di un’azienda, “lanciare una StartUp” sarebbe come dire “lanciare un avviamento”, una definizione tecnicamente scorretta. Nel senso moderno, però, la StartUp Company è un’impresa appena costituita, con un progetto di prodotto e un progetto di impresa ben definiti, che cerca spazio nel mercato. Crowdfundme è a tutti gli effetti una Startup?

Si è una StartUp nata a febbraio, l’idea è rimasta in incubazione per alcuni mesi e quindi è più datata.

Il progetto è autofinanziato?

Si, completamente da me. Partire senza troppi aiuti credo sia un modo per affrontare e superare da subito i propri limiti.

Leggi anche:  Fastweb, risultati primo trimestre 2020: crescita per clienti e margini

Perché sta decollando il crowdfunding in Italia?

Le linee di credito ordinarie sono sempre più in difficoltà/ristrettezza economica e quindi faticano a finanziare nuovi progetti. Da qui l’evoluzione è ovvia: se banche ed altri istituti non possono finanziarmi, perché non chiedere a chi condivide il mio stesso progetto? Siano essi parenti amici o gente che si trova dall’altra parte dello schermo. Un’idea tanto semplice, brillante ed efficace ma difficile da applicare.

Come è regolamentato il crowdfunding in Italia?

Ad oggi il crowdfunding, ed in particolare l’equity crowd funding (ovvero quote societarie in cambio di denaro) non sono regolamentati e quindi ci si affida al TUF. Ad aprile è uscita però una bozza di regolamento di Consob, reperibile sul loro sito,con restrizioni che mi hanno lasciato alcuni dubbi. Consob dice che “il crowdfunding può essere sfruttato solo da società innovative” e già con questo parametro vengono tagliate moltissime delle startup complessive, poi è richiesto che almeno il 5% del capitale raccolto da una startup, sia fornito da un investitore professionista (Banche, VC, sim, business angels) ma il crowdfunding è una sorta di linea di credito diversa da quelle ordinarie, allora perche inserire banche e quant’altro? Lo vedo molto contraddittorio, un po’, se vogliamo, limitante.  

Vedi il Crowdfunding come una semplice opportunità o come uno strumento che può cambiare il panorama dei progetti su cui investire?

Entrambe le cose, come fondatore del portale lo vedo  come un’opportunità ma come giovane imprenditore vedo il crowdfunding come un mezzo REALE per sviluppare l’economia del nostro Paese. In Italia le PMI sono il 99.8% delle imprese 3.8 milioni, il crowdfunding è una risorsa alla quale queste imprese potrebbero aderire per espandersi, svilupparsi e crescere. Le azioni, assolutamente significative, espresse dal Governo, sono spesso rivolte ai colossi, le PMI soffrono e hanno prima di tutto bisogno di denaro per svilupparsi e per “creare nuove PMI”. Il crowdfunding è un’opportunità concreta di raccogliere denaro, vietarlo o meglio limitarlo è come frenare l’economia. Consob ha il dovere di tutelare i piccoli investitori e le StartUp stesse con norme e regolamenti, sono il primo ad essere favorevole a questo, ma non possiamo permettere che tale regolamento vincoli lo sviluppo e la crescita di nuove StartUp e dell’economia REALE del nostro Paese, dobbiamo trovare un compromesso che dia la possibilità alle persone di aiutare economicamente altre persone e i progetti in cui crede.

Leggi anche:  Oracle è Leader nel Magic Quadrant 2020 di Gartner nelle soluzioni ERP Cloud per le aziende “product-centric”

La presentazione ufficiale del progetto avverà durante il convegno del 27 giugno organizzato da Assolombarda, è corretto?

Si, con EURODEFI e Blue Ocarina e Assolombarda abbiamo organizzato il convegno “Il Fenomeno del Crowdfunding proposte operative e norme semplici per lo sviluppo dell’economia nazionale”. Parte degli interventi durante il meeting  saranno focalizzati su come realizzare il Crowdfunding Equity Based rispettando l’orientamento giuridico italiano attuale. Nel pomeriggio presenterò la piattaforma insieme ai miei collaboratori. Il convegno sarà occasione di scambio.

——————————————————–

Tommaso Baldissera Pacchetti ha solo 26 anni ed è già alla sua seconda esperienza imprenditoriale: Crowdfundme.it, nata da poco, segue doctordentist.it fondata nel 2010 insieme a 3 altre persone. www.doctordentist.it è un gruppo di cliniche odontoiatriche milanesi, oggi è uno dei protagonisti nel panorama odontoiatrico nazionale,  di questa realtà Tommaso è, oltre che fondatore, responsabile marketing e comunicazione.

Source: http://ec.europa.eu/enterprise/policies/sme/facts-figures-analysis/performance-review/files/countries-sheets/2012/italy_it.pdf