A.A.A. candidati cercasi per ricerche in microfinanza

Capgemini Italia, società leader mondiale nel Management Consulting, Information Technology e Outsourcing, e PlaNet Finance Italia – l’organizzazione no-profit creata dal famoso economista e saggista francese, Jacques Attali, – danno il via al 1° bando 2010 per premiare e sostenere le ricerche in microfinanza.

L’invito a candidarsi è rivolto agli studenti che stanno preparando la propria tesi su tematiche legate alla microfinanza; partecipando infatti possono ottenere una borsa di studio o un premio, messi in palio nell’ambito del programma europeo 2009-2011 "University Meets Microfinance", che punta a creare una cooperazione tra le Università, gli studenti e gli operatori di microfinanza in Europa.

Il progetto è sostenuto in Italia da Capgemini che mette a disposizione delle università italiane, ogni anno, altre 5 borse di studio e 1 premio speciale per le tesi in microfinanza sviluppate in ambito ICT o Business.

Le Borse di studio hanno un valore massimo di 1.500 euro cadauna e permetteranno agli studenti di effettuare una ricerca sul campo coprendo le spese di viaggio e alloggio durante tutto il periodo della ricerca. Il termine per presentare la domanda è il 28 febbraio 2010.

Le candidature a questo bando sono aperte agli studenti che stanno redigendo una tesi di laurea e di master e agli studenti dei corsi di laurea triennali.
Altri 3 bandi verranno comunicati nel corso del 2010.

Il sito www.universitymeetsmicrofinance.eu mette a disposizione dei potenziali partecipanti al concorso suggerimenti sulle tematiche delle tesi e altre informazioni, tra cui una lista delle organizzazioni che si occupano di microfinanza e dei progetti su cui queste sono già impegnate.

Gli studenti che hanno già individuato una propria tematica legata alla microfinanza potranno comunque proporre la loro candidatura e, se opportuno,saranno messi in contatto con le organizzazioni che stanno sviluppando progetti coerenti con il tema scelto.

Leggi anche:  Finanziaria Familiare diventa IBL Family ed entra nel Gruppo Bancario IBL Banca

Tra i vari temi proposti nell’edizione 2009, si è aggiudicata la borsa di studio Capgemini una studentessa dell’Università di Trento, Alessia Paternoster: la tesi che svilupperà, dal titolo “Tassi d’interesse differenti per uomini e donne nel microcredito in Perù”, è volta a sottolineare i possibili benefici di cui potrebbero usufruire le donne nel mercato del credito peruviano per il fatto di essere considerate, dai finanziatori, più affidabili nel rimborso dello stesso.

Raffaella Poggio, direttore marketing e comunicazione di Capgemini Italia, espone i motivi per cui Capgemini ha premiato tale tematica: “Abbiamo sostenuto questa ricerca in quanto riteniamo che attraverso il microcredito, le donne in Perù e, più in generale, negli altri paesi in via di sviluppo possano dare un sostanziale contributo alla creazione di lavoro e ricchezza”.

Oltre alle Borse di studio, sono previsti 4 Awards per i quali il termine di presentazione della domanda è fissato al 31 agosto 2010: possono candidarsi al premio gli studenti delle Università Europee che hanno già completato la propria tesi di laurea, Master o programma equivalente.

Il primo premio ha un valore di 500 euro e le tesi vincitrici saranno tutte pubblicate. Inoltre il primo classificato all’UMM awards, sarà invitato a Parigi per l’"International Microfinance Awards Ceremony”.

I moduli per l’iscrizione al bando sono disponibili su: www.universitymeetsmicrofinance.eu e la domanda completa andrà poi sottoposta entro le date indicate a umm@planetfinance.org.

La domanda di partecipazione, la documentazione e le comunicazioni devono essere redatte in lingua inglese.

“Ci auguriamo che anche per il 2010 ci siano molte candidature oltre a nuove proposte di ricerca da segnalare alle singole organizzazioni e che il tema della microfinanza assuma sempre di più un ruolo significativo nell’ambito dei programmi accademici”, ha dichiarato Clarisse Zanchi di Planet Finance.

Leggi anche:  PayPal: Checkout e Marketing Solutions arrivano in Italia