L’ICT per gestire il flusso turistico

La grande manifestazione per cui Milano sta lavorando a ritmi sempre più sostenuti non potrebbe raggiungere i risultati sperati e previsti senza l’aiuto delle tecnologie informatiche e di telecomunicazioni. Molti attori sono già in pista per rendere la propria offerta adeguata alle esigenze dell’Expo

Un Paese a vocazione turistica: un fatto che ci è stato decantato dell’Italia in ogni consesso nazionale e internazionale, e i numerosi governi che si sono succeduti hanno operato o cercato di operare per rendere giustizia a questo slogan. I risultati sono stati in generale piuttosto buoni, dal momento che il flusso turistico nel Bel Paese è sempre stato intenso.

Resta naturalmente aperta la diatriba tra i sostenitori dell’intervento governativo e della sua bontà e quanti affermano che i successi nel settore del turismo sono dovuti soprattutto allo spirito imprenditoriale degli italiani, in particolare in quelle aree geografiche che, per l’amenità o la vicinanza alle coste o a particolari attrazioni paesaggistiche, attraggono ogni anno numerosi visitatori da ogni parte del mondo.

Città monumentali, laghi, fiumi, montagne e colline, isole pittoresche, campagne verdeggianti: si potrebbe affermare, con un trito luogo comune, che per chi visita l’Italia non c’è che l’imbarazzo della scelta.

Tuttavia oggi operare nel turismo significa confrontarsi con una concorrenza spietata: il precipitare dei prezzi dei voli aerei unito all’esigenza di attirare visitatori paganti, hanno visto la nascita di tour operator che offrono pacchetti “tutto compreso” estremamente convenienti.

Senza entrare troppo nel merito di queste questioni prettamente legate al marketing dei viaggi, occorre tenerle presenti nel valutare come le tecnologie Ict possano aiutare i governi, le amministrazioni locali e gli operatori commerciali a competere nel mondo del turismo.

Leggi anche:  Come guidare il cambiamento

Questione ancora più importante quando si pensa che ne va del successo di una manifestazione su cui l’Italia punta più di una carta per il prossimo futuro: l’Esposizione universale del 2015.

Leggi tutto l’articolo nella sezione di DMO dedicata ad Expo 2015