Patente informatica europea per la sanità

AICA (l’Associazione italiana per l’Informatica ed il Calcolo Automatico) e Fondazione IRCSS Ca’ Granda Ospedale Maggiore Policlinico hanno stipulato un accordo per diffondere la certificazione ECDL Health, che rappresenta l’estensione – studiata specificamente per il settore sanitario – della patente europea del computer (ECDL).

ECDL Health tiene conto in particolare del valore e della forte sensitività dei dati sanitari, ed è destinata a tutti coloro che operano in questo ambito: medici, infermieri, operatori delle professioni sanitarie e personale amministrativo.

Il Policlinico, che è accreditato come fornitore di formazione ECM (Educazione Continua in Medicina) erogherà su tutto il territorio nazionale corsi in e-learning di preparazione per la certificazione ECDL Health.

I test per la verifica dell’apprendimento, previsti a conclusione del corso, includeranno tutte le domande necessarie al conseguimento della certificazione, così che il partecipante possa acquisire insieme al diploma ECDL Health i crediti formativi ECM.

“Siamo lieti di questo accordo con una istituzione sanitaria così importante” ha commentato Giulio Occhini, direttore di AICA. “Ci dà la possibilità di contribuire allo sviluppo delle competenze digitali oggi essenziali per lavorare nel settore sanitario.

ECDL Health, oltre a garantire un utilizzo sicuro e rispettoso dell’integrità dei dati sul paziente, ha un valore chiave anche nel recupero dell’ efficienza e dei costi.

Basti ricordare che nel corso della ricerca “Il Costo dell’Ignoranza Informatica nel Settore Sanitario” realizzata insieme a SDA Bocconi alcuni anni fa, si era stimato in circa 850 milioni di euro annui il costo del “tempo improduttivo” speso dal personale sanitario a causa delle difficoltà nell’uso degli strumenti informatici”.

I contenuti di ECDL Health

Il Syllabus di ECDL Health – la descrizione cioè dell’insieme di abilità e conoscenze richieste per la certificazione – è stato messo a punto da una commissione di esperti di vari Paesi ed in seguito adattato alle caratteristiche linguistiche, culturali, pratiche, legislative dei diversi sistemi sanitari nazionali.

Leggi anche:  Con Corvallis, l’innovazione nella PA è possibile

Gli esami che devono essere superati per conseguire la certificazione ECDL Health garantiscono che il candidato:

• abbia piena consapevolezza della natura particolare del dato sanitario e delle implicazioni di carattere legale ed etico associate al suo trattamento;

• abbia pratica d’uso degli strumenti ICT (Information and Communication Technology) per l’elaborazione e l’archiviazione delle informazioni sanitarie in modo da rispettare i principi di cui sopra, con particolare riferimento a sicurezza e privacy;

• conosca i principali campi d’applicazione ICT in ambito medico, nonché la struttura e la terminologia relativa a sistemi informativi e ai documenti sanitari.

Nell’ambito dell’accordo, AICA e Fondazione Ca’ Granda Policlinico collaboreranno a mantenere aggiornato il Syllabus ECDL Health nel tempo.