Ecco i vincitori di Open Call di Fondazione Telecom Italia sui “Disagi della Comunicazione”

Scelti 3 progetti relativi ad autismo, sordità e disturbi del linguaggio, per un contributo complessivo di circa 400.000 euro, sulle 205 proposte di iniziative ricevute nel 2013 in ambito Sociale tramite la piattaforma online della Fondazione Telecom Italia

Fondazione Telecom Italia ha annunciato oggi sul proprio sito i soggetti vincitori nell’ambito della Open Call sui “Disagi della Comunicazione”, iniziativa lanciata dalla Fondazione nel periodo 14 febbraio – 21 maggio 2013 volta a selezionare e premiare progetti nel campo Sociale sulle seguenti tematiche: disagi dell’intenzione comunicativa (es. autismo) e della strumentalità comunicativa (es. ictus, afasia, balbuzie, paresi cerebrale infantile, SLA, distrofia); disturbi evolutivi specifici dell’eloquio e del linguaggio (cause multifattoriali), dell’articolazione (es. dislasia), dell’espressione e della comprensione.

In particolare, sono stati ricevuti 205 progetti da Enti no profit tramite la piattaforma online del sito di Fondazione Telecom Italia e, dopo un accurato lavoro di selezione da parte del Comitato Scientifico della Fondazione stessa, sono stati scelti 3 progetti per un contributo complessivo di circa 400.000 euro relativi agli ambiti di intervento autismo, sordità e disturbi del linguaggio.

I soggetti aggiudicatari della Open Call sono:

• Istituto di Scienze e Tecnologie dell’Informazione – CNR di Pisa (Progetto SI DO RE MI. Sistema Domiciliare per la Riabilitazione Espressiva del Movimento e dell’Interazione)

• Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione – CNR di Roma (Progetto Vo-LIS. Piattaforma online per la somministrazione di prove di comprensione della lingua dei segni italiana ai bambini)

• Azienda USL di Piacenza – Unità Operativa Neuropsichiatria Infanzia e Adolescenza (Progetto CINQUE PETALI)

In ognuno dei progetti viene proposta la sperimentazione di un percorso innovativo di supporto che sfrutti l’utilizzo di piattaforme tecnologiche evolute. I principali criteri per la scelta dei progetti sono stati l’attinenza ai temi della Open Call, la replicabilità degli stessi con risultati che dovranno essere sempre condivisibili da altri soggetti, l’utilizzo per la sperimentazione di tecnologie innovative, il contributo al finanziamento da parte degli Enti proponenti e la misurabilità dei risultati.

Leggi anche:  Impresoft Group: si aggiunge al gruppo anche PROGEL

Continua quindi l’impegno di Fondazione Telecom Italia a sostegno della ricerca di soluzioni innovative che, grazie anche all’utilizzo delle nuove tecnologie, permettano un miglioramento della qualità della vita delle persone e contribuiscano ad abbattere le barriere della comunicazione.