Informatica annuncia Powercenter Big Data Edition

La nuova soluzione consente alle aziende un’analisi più accurata dei Big Data senza generare codice

Informatica Corporation ha annunciato la disponibilità di Informatica PowerCenter Big Data Edition, una soluzione innovativa che consente alle aziende di integrare i dati transazionali con i dati provenienti dai Social Network, dal mobile, dal Cloud e da apparecchiature per l’identificazione e/o memorizzazione dati automatica di oggetti, tutti caratterizzati da elevati volumi, velocità e varietà. Sfruttando l’integrazione con le più recenti piattaforme di analisi dei dati come Hadoop, PowerCenter Big Data Edition è l’unico in grado di gestire le informazioni provenienti dalle nuove tecnologie, così come di operare con la tradizionale infrastruttura di gestione dei dati, traendo il massimo valore dei Big Data e riducendo al contempo costi e rischi.

PowerCenter Big Data Edition offre un ambiente innovativo, che non necessita di codice e permette alle aziende di ridurre i costi dei progetti per i Big Data, che utilizzano nuove tecnologie quali Hadoop, grazie alle seguenti caratteristiche:

– Grande rapidità di importazione ed estrazione dati – caricare, elaborare ed estrarre i Big Data all’interno di ambienti diversi, per ottimizzare il flusso dei dati tra Hadoop e l’infrastruttura tradizionale di gestione dei dati;

– Ambiente di sviluppo senza generazione di codice – grazie all’ambiente di sviluppo di tipo visuale di Informatica, non è più necessario sviluppare manualmente codice all’interno di Hadoop. Tra gli altri vantaggi di questo approccio ricordiamo la possibilità di riutilizzare i flussi di elaborazione così da ridurre i tempi di sviluppo;

– Virtual data machine – consente agli utenti di creare la logica di trasformazione un’unica volta e di implementarla in Hadoop in qualsiasi dimensione, direttamente nella tradizionale griglia dell’infrastruttura ETL o persino nelle applicazioni di data federation. Utilizzando la virtual data machine, gli sviluppatori possono creare e condividere i flussi di elaborazione, utilizzandolo su un’ampia gamma di piattaforme di gestione dati e modelli di sviluppo;

Leggi anche:  Vodafone: l'assistente digitale TOBi su Amazon Alexa

– Accesso ai dati universale e funzioni ETL complete su Hadoop – accesso sicuro a una grande varietà di tipologie e di fonti di dati, utilizzando una ricca libreria di trasformazioni ETL pre-definite e adatte a gestire dati transazionali, così come interattivi su infrastrutture Hadoop o in griglie infrastrutturali più tradizionali. 

“Per i clienti, PowerCenter Big Data Edition rappresenta una scelta innovativa e affidabile, basata su una GUI e una consolidata presenza nel settore dell’integrazione dei dati”, ha dichiarato James Markarian, executive vice president e Chief Technology Officer di Informatica. “I neofiti di Hadoop sono consapevoli di alcune problematiche legate alla mancanza di interoperabilità con le infrastrutture IT e con le piattaforme di gestione dati tradizionali, alla scarsa produttività e alla mancanza di competenze rispetto a qualsiasi specifico linguaggio di programmazione. PowerCenter Big Data Edition è in grado di offrire una soluzione a questi problemi: garantisce la connettività verso una vasta gamma di sorgenti dati e la possibilità di sviluppare senza la necessità di dover generare codice. La nostra value proposition per i Big Data e per Hadoop è semplice: ottenere di più, utilizzando le competenze e l’infrastruttura esistente, adottando nuove e affidabili tecnologie come Hadoop”.

Un report di Gartner del settembre 2011, dal titolo Information Management in the 21st Century, afferma che: “Entro il 2015, le aziende che integreranno in un’unica infrastruttura coerente per la gestione del dato diversi tipi di informazioni ad alto valore, provenienti da differenti fonti, registreranno un incremento dei loro risultati finanziari pari a oltre il 20%, rispetto a chi non lo farà”.

Ridurre al minimo i rischi tecnologici

Tutte le nuove tecnologie, come Hadoop, possono nascondere alcuni rischi in fase di implementazione. PowerCenter Big Data Edition aiuta a ridurre al minimo tali imprevisti grazie a:

Leggi anche:  Dimension Data annuncia i servizi gestiti di nuova generazione

– Un’unica soluzione in grado di operare sia con le nuove tecnologie che con le infrastrutture tradizionali di gestione dei dati, per supportare anche le iniziative future basate sui Big Data;

– L’utilizzo della piattaforma di integrazione dati di Informatica che vanta un’esperienza di implementazione in migliaia di progetti e garantisce la scalabilità nello sviluppo su Hadoop;

– Profilazione dei dati direttamente su Hadoop, offrendo maggiore fiducia nei risultati legati agli analytics dei Big Data per individuare tempestivamente eventuali problematiche;

– Implementazione di funzionalità mission-critical ad alta affidabilità con gestione del failover ottimizzato e flessibilità nel recovery dei dati e nella connettività;

– Disponibilità immediata di migliaia di System Integrator e partner esperti di Informatica.

Ridurre i costi dei Big Data

I volumi dei dati continuano a crescere in modo esponenziale, proprio come la loro complessità, e si tratta di un fenomeno destinato a durare. PowerCenter Big Data Edition permette alle aziende di ridurre i costi di gestione dei Big Data consentendo ai clienti di:

– Sviluppare processi di integrazione dei Big Data sulle risorse di elaborazione più efficaci ed a più elevate prestazioni, basate su requisiti relativi a volumi, tipologia e latenza dei dati;

– Triplicare l’incremento della produttività per lo sviluppo dell’integrazione dei dati, passando ad un ambiente che non richiede lo sviluppo di codice;

– Sfruttare una libreria di funzionalità per la trasformazione dei dati, precostituite su Hadoop, allo scopo di ridurre le attività di sviluppo e aumentarne la qualità;

– Disporre delle competenze di PowerCenter per lo sviluppo dei Big Data.