Oltre 120 partecipanti al primo Aperi-Network di Smau e Regione Lombardia

Forti dell’interesse dimostrato dalle imprese del digital e dalle startup verso il primo Aperi-Network, Smau e Regione Lombardia annunciano i prossimi appuntamenti serali dedicati ai temi startup 2.0, competenze digitali, Internet delle Cose e nuovi makers come opportunità per le imprese ICT

Si è tenuto ieri sera, presso la Sala Pirelli del Palazzo Pirelli di Milano il primo Aperi-Network: appuntamento volto a favorire l’incontro tra le imprese del territorio operanti in ambito digital e l’intero ecosistema di riferimento – startup, vendor ICT, analisti di mercato ed esperti, pubblica amministrazione locale – ma anche condividere e affinare gli strumenti di supporto alla digitalizzazione delle imprese e PAL (Bandi, Vocher per l’innovazione, ecc.).

L’incontro di ieri sera sul tema “ICT del futuro: Open Data, Big Data, Smart City e piattaforma E015 Digital Ecosystem” ha registrato oltre 120 partecipanti che hanno assistito al racconto dei progetti di impresa delle 11 startup presenti nell’ambito di uno speed pitching moderato da Emil Abirascid di Startupbusiness.

“Un risultato – commenta Pierantonio Macola, Amministratore Delegato di Smau – che dimostra l’interesse delle imprese del digital verso momenti di confronto, scambio di know-how, e condivisione di esperienze. Siamo quindi già al lavoro per la realizzazione di due nuovi appuntamenti, che si terranno nei mesi di giugno e luglio”.

 A commento dell’iniziativa, interviene anche Armando de Crinito, Direttore Vicario Attività Produttive, Ricerca e Innovazione di Regione Lombardia, il quale dichiara: “Gli eventi come quello di oggi sono un grande stimolo per Regione Lombardia in quanto fanno capire la dinamicità e la creatività delle imprese digital. Nei prossimi mesi creeremo dei voucher, insieme al sistema camerale, che andranno a supportare le piccole e medie imprese nell’adozione del digitale. Regione Lombardia inoltre è attiva nella gestione degli Open Data attraverso un portale dedicato – www.dati.lombardia.it – dove rendiamo disponibili oltre 500 dataset e mediante il lancio, nell’ambito dell’Agenda Digitale Lombarda, di un nuovo portale che fornirà le linee guida sull’utilizzo degli open data da parte degli enti locali.”

Confermati quindi i prossimi appuntamenti che vedranno Regione Lombardia presente per ascoltare e confrontarsi con le imprese ICT del territorio al fine di poter mettere in atto misure sempre più vicine alle esigenze di queste imprese, come bandi e voucher per l’innovazione, facilitandone così lo sviluppo e la crescita. Il prossimo Aperi-Network si terrà martedì 17 giugno e il tema dell’incontro sarà “Startup digital fase 2: nuove competenze digitali e opportunità per le imprese del settore ICT”.

Le startup e le imprese ICT possono sin da ora candidarsi al pitch del prossimo appuntamento inviando una mail con la presentazione della propria attività a aperinetwork@smau.it.

Nell’ambito dello speed pitching di ieri sera sono state 11 le startup che hanno presentato in 90 secondi le proprie idee di impresa: Bringme, CheckBonus, Connexun, Effective Knowledge, Municipium, Postgol, Skebby, Spazio Dati, Spiiky, Spotlime, W2W Solutions.

Successivamente Federico Pedrocchi di Radio24 ha animato il dibattito sul tema “ICT del futuro: Open Data, Big Data, Smart City e piattaforma E015 Digital Ecosystem”, dando la parola a Alessandro Magnino, responsabile Marketing Mobile Apps di Vodafone Italia, il quale ha evidenziato l’attività di Vodafone in ambito Big Data e Mobile Analytics: “Nel mondo dei mobile analytics Vodafone ha la possibilità di rendere disponibile un patrimonio informativo che, opportunamente anonimizzato e aggregato, consente alle pubbliche amministrazioni di mettere a disposizione dei propri cittadini nuovi servizi per una pianificazione delle infrastrutture più efficiente e una gestione del traffico e del turismo in modo innovativo. Un esempio di questa attività è Superhub, progetto finanziato dalla Comunità Europea che coinvolge diverse città europee, tra cui Milano, che mette a disposizione delle amministrazioni una serie di servizi legati alla mobilità sostenibile e alla gestione delle infrastrutture”.

A descrivere le opportunità di E015 è intervenuto Maurizio Brioschi, Head of Digital Enterprise Division di Cefriel il quale ha affermato: “L’Ecosistema digitale E015 è un’iniziativa promossa dalle associazioni di categoria ed Expo 2015 che ha portato alla nascita di un ambiente di collaborazione digitale volto alla condivisione di contenuti o all’utilizzo di tali contenuti all’interno di proprie applicazioni. E015 consente di far parlare facilmente i sistemi informativi di enti, aziende e associazioni attraverso standard tecnologici concordati e accordi di collaborazione con reciproco vantaggio. Un esempio di applicazione di E015 è il sito Malpensaexpress.it il quale utilizza lo standard E015 per informare gli utenti sullo stato dei voli dell’aeroporto di Malpensa e sugli orari dei treni da e verso l’aeroporto. Altra applicazione di E015 è il sito Infoblu, che permette di aggiornarsi sulle condizioni del traffico in autostrada, su eventuali lavori in corso, sullo stato di riempimento dei parcheggi in uscita dell’autostrada, verificare se il servizio di metropolitana che collega i parcheggi è regolare, i tempi di attesa dei mezzi di superficie collegati ecc.. L’ecosistema è accessibile dal sito di Expo 2015 dove sono disponibili il contratto gratuito di adesione e le linee guida tecniche per pubblicare servizi o richiedere l’utilizzo di servizi al fine di sviluppare applicazioni E015 più ricche e significative per l’utente finale. Tutti possono aderire gratuitamente all’ecosistema –  è già stato superato il numero delle 160 aziende aderenti a E015 –  e tutti possono lavorare all’interno dell’ambiente digitale che sarà uno dei principali lasciti a disposizione del territorio dopo l’Expo.”

Leggi anche:  TIM e Google firmano un MoU per una partnership strategica