F-Secure: attenzione ai social network

Sempre più spesso, gli utenti preferiscono utilizzare gli strumenti di comunicazione istantanea forniti dai social network piuttosto che le e-mail. Si tratta però di una tendenza che può avere conseguenze in termini di rischi alla sicurezza, tanto che i cyber-criminali hanno già reagito al cambiamento delle modalità di comunicazione prendendo maggiormente di mira i social network più popolari.

Trovandosi costantemente online con PC o dispositivi mobili, molte persone non si collegano più a Internet per inviare e-mail. I social network, come Facebook e Twitter, sono cresciuti rapidamente e gli utenti stanno facendo ampio uso del rapido flusso di comunicazione che essi permettono.

“Essere scettici nei confronti di link inviati via e-mail è cosa normale, dato che gli indirizzi di posta possono essere falsificati e chiunque è abituato a ricevere messaggi da persone ‘sconosciute’”, ha dichiarato Sean Sullivan, F-Secure Security Advisor.

“E’ invece molto più difficile capire quando un proprio contatto all’interno di un social network è stato colpito dagli hacker. Gli utenti non sono ancora sufficientemente prudenti nei confronti dei link segnalati da propri ‘amici’ sui social media, che possono condurre a infezioni da malware o veicolare traffico verso siti truffa”.

I cyber-criminali vedono ottime opportunità di fare soldi attaccando gli account di Facebook e di altri social network, dove l’alto livello di fiducia fra le reti di amici garantisce ai malintenzionati una protezione ideale per compiere truffe e diffondere malware.

Un messaggio personale o il suggerimento di visitare un sito proveniente da un familiare o da un amico non suscita generalmente sospetti in chi lo riceve.

La tecnologia Browsing Protection di F-Secure Internet Security, invece, è sempre allerta: anziché cliccare direttamente su un link inviato da un amico, è buona norma verificare prima l’indirizzo e controllare se Browsing Protection considera la pagina web sicura o meno: un simbolo vicino ai risultati di ricerca indicherà se è necessario fare attenzione al link.

Leggi anche:  GDPR: un anno dopo

“L’instant messaging è sicuramente divertente e utile, ma tutti dovrebbero essere consapevoli dei rischi alla sicurezza che essa comporta”, ha proseguito Sean Sullivan.

"I link inviati da account infetti e le richieste di aiuto economico da parte dei cosiddetti “amici” sono destinati ad aumentare di pari passo con la crescita dei social network”.

Secondo i dati di Nielsen, il numero degli utenti dei social network e di altre community online è aumentato del 31% tra Agosto 2008 e Agosto 2009, mentre l’utilizzo delle e-mail è cresciuto del 21%.

Potrebbe essere troppo presto per dire che l’ e-mail stia scomparendo, ma i numeri indicano un trend in crescita.