Leggere le e-mail dal cellulare: la sicurezza di Stonesoft

Poter accedere da qualsiasi dispositivo abilitato alla connessione web – telefono cellulare, palmare o computer portatile – e da qualsiasi luogo al di fuori dell’ufficio è una necessità avvertita dalla maggior parte dei dipendenti di un’azienda.

Un mezzo senz’altro per accrescere produttività e incrementare le opportunità di business, ma anche un modo per aprire la rete aziendale a una serie di pericoli e minacce che possono comprometterne il corretto funzionamento o essere causa di furti di dati riservati.

“Per le aziende poter garantire ai propri dipendenti un accesso sicuro da remoto, per esempio al proprio account di posta o alle applicazioni caricate sul desktop, è un aspetto che non deve essere sottovalutato né considerato superfluo. E’ importante che ciascun utente che debba accedere da remoto alle risorse aziendali segua un processo di autenticazione.

E ciò non significa solo inserire username e password. Per l’accesso da remoto si richiede un ulteriore sistema di autenticazione che si possa integrare con quelli esistenti, come ad esempio Federation ID o tecniche avanzate di Single Sign On, per l’accesso tramite web”, ha dichiarato Marco Rottigni, SSL VPN Product Manager di Stonesoft.

StoneGate SSL VPN Virtual Appliance

Per accedere in tutta sicurezza da qualsiasi luogo e tramite qualsiasi dispositivo, Stonesoft, innovativo provider di soluzioni integrate per la sicurezza e la business continuity, ha progettato StoneGate SSL VPN, che oggi si completa con l’introduzione della Virtual Appliance StoneGate SSL VPN 1.4, per la protezione degli accessi anche agli ambienti virtuali e di cloud computing, in rapida diffusione.

La nuova soluzione combina la necessità di un accesso granulare alle applicazioni web e legacy dell’azienda con una profilazione dettagliata e autenticata degli utenti, tramite un processo di autenticazione a più fattori (es. password e impronta digitale) e il supporto agli standard Federation ID (es. SAML 2.0 – Security Assertion Markup Language).

Leggi anche:  Nessuna richiesta di spionaggio dal governo cinese

Grazie alla perfetta integrazione del motore SSL VPN con la console per la gestione centralizzata StoneGate Management Center, StoneGate SSL VPN 1.4 è, inoltre, in grado di semplificare le modalità di gestione e amministrazione degli accessi alla rete aziendale: gli amministratori possono selezionare facilmente i parametri che consentono o negano l’accesso alle applicazioni. Funzionalità avanzate di logging, auditing e reporting completano, infine, le straordinarie potenzialità di StoneGate SSL VPN 1.4.

Insieme a StoneGate SSL VPN 1.4, Stonesoft annuncia anche il nuovo StoneGate SSL-1060, soluzione ideata per quelle aziende che hanno la necessità di fornire un accesso sicuro e autenticato da remoto fino a 500 utenti, pur mantenendo il massimo livello di performance, e nuove alternative di licenza, come ad esempio le Spike licence.

Si tratta di licenze temporanee per le applicazioni SSL VPN che consentono di incrementare il numero di utenti che possono avere accesso alle applicazioni aziendali in situazioni di emergenza che impediscono la presenza fisica in ufficio.