Expert Panel: l’UE lanci un programma per le PMI dei servizi innovativi

Si è chiusa oggi a Roma la conferenza europea “Meeting the Challenge of Europe 2020: The Trasformative Power of Service Innovation”. Stefano Pileri: “l’integrazione fra tecnologia, industria e servizi innovativi deve essere al centro delle politiche sulla crescita, competitività e sostenibilità in Europa”.

“Gli importanti risultati prodotti dall’Expert Panel on Innovation Service in the Eu si possono sintetizzare in un concetto molto efficace. Le trasformazioni che l’economia e la società europea devono affrontare, per raggiungere gli obiettivi di crescita intelligente, sostenibile e inclusiva, possono trovare attuazione solo in una prospettiva di integrazione sempre maggiore fra tecnologie, industria e servizi innovativi. E’ da qui che nasceranno e, anzi, come questa conferenza ha dimostrato stanno già nascendo in numerose realtà europee, Italia inclusa, le nuove soluzioni per la crescita, competitività e produttività dell’economia europea, i servizi avanzati per i cittadini, la sanità a misura di utente, i sistemi territoriali a basso impatto ambientale” – è quanto affermato oggi da Stefano Pileri, presidente di Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici (Csit) e rappresentante italiano dell’Expert Panel, chiudendo oggi a Roma i lavori della conferenza “Meeting the Challenge of Europe 2020: the Transformative Power of Service Innovation” promossa dalla Commissione Europea in cooperazione con Europe Innova e Csit.

“L’Agenda Digitale europea – ha continuato Pileri – rappresenta un fattore strategico di accelerazione del cambiamento e una sfida ambiziosa per ogni paese che voglia darsi l’opportunità di raggiungere risultati di rilievo. Va in questa direzione il Progetto Italia Digitale presentato dalla Federazione, che traccia un percorso per implementare su larga scala tecnologie, servizi e processi digitali, in una logica di innovazione e messa in efficienza di settori di grande impatto sociale ed economico come la sanità, l’energia, la scuola, la giustizia, i servizi pubblici”.

Leggi anche:  Open innovation, strumento collaborativo d’avanguardia

Alla sessione di oggi della conferenza, sono inoltre intervenuti Linda Lanzillotta, Paolo Romani, Giorgio Squinzi, Antonio Tajani, Patrizia Toia, Alberto Tripi.

L’Expert Panel on Innovation Service in the Eu è stato istituito, agli inizi del 2010, dalla Commissione europea, che ha chiamato a farne parte 20 esperti europei di alto livello provenienti dal mondo delle pubbliche amministrazioni, delle imprese, delle università, di 15 paesi dell’Ue, ai quali è stato chiesto di fornire indicazioni strategiche su come promuovere e incrementare l’innovazione nei settori dei servizi e il suo impatto sulle politiche industriali nell’ambito di Europa 2020.

Nel Rapporto finale dell’Expert Panel, presentato questa mattina dal coordinatore, Allan Mayo, il gruppo di esperti formula una serie di proposte e raccomandazioni alla Commissione, in cui, fra l’altro, si individua la necessità di lanciare un “programma europeo dedicato alle Pmi dei servizi innovativi per aiutarle a superare le barriere sia culturali, che di altro genere presenti nel mercato europeo”. Si prevede la creazione di un “Centro Europeo per l’Innovazione dei Servizi” al fine di rafforzare i collegamenti tra chi prende le decisioni politiche, il mondo delle imprese e gli studiosi.

Si indica nelle Partnership per l’innovazione e nei demostrators (progetti dimostrativi su larga scala dimensionale e territoriale), un potente strumento di accelerazione dell’innovazione e della politica industriale nella UE. Infine si chiede che nel prossimo Programma Quadro di Ricerca e Sviluppo sia data la dovuta considerazione allo sviluppo di tecnologie per i sistemi intelligenti e sostenibili nei trasporti e logistica, costruzioni e gestione degli impianti, distribuzione energia, telecomunicazioni e servizi finanziari.