Top Consult presenta a Smau Milano l’Utente Collaborativo

“L’Utente Collaborativo” gestisce i processi aziendali strutturati e non strutturati

Top Consult presenta a SMAU Milano 2015 (Stand B18, Padiglione 2 FieramilanoCity) “L’Utente Collaborativo”, una serie di nuove soluzioni per la gestione collaborativa e senza e-mail dei processi aziendali strutturati e non strutturati.

L’Utente Collaborativo si concretizza in tre soluzioni collaborative di TopMedia Social NED, la nuova piattaforma enterprise che ha “rivoluzionato” il modo di fare gestione documentale applicando, per la prima volta sul mercato, i concetti e le modalità operative dei social network e della social collaboration, puntando al traguardo del Social Business. Tramite interfacce smart (facili da usare come uno smartphone, oggi utilizzato da tutti nel tempo libero) le soluzioni sono fruibili dall’utente ovunque si trovi: su PC, notebook, mobile o web.

Per i processi non strutturati in cui è coinvolto, l’utente usa il modulo Groupware con il quale realizza un Social Network Aziendale sicuro e protetto per creare, condividere e archiviare documenti nei gruppi di lavoro collaborativi. Per i processi strutturati, con i moduli CaseFlow (per la gestione delle pratiche e del workflow utente) e Workflow (per i workflow di processo) l’utente gestisce in forma collaborativa anche il flusso dei documenti all’interno dei processi di lavoro; si gestiscono così pratiche collaborative (ad esempio pratiche di vendita o di realizzazione commesse) e si usa il workflow collaborativo per automatizzare un processo di business che coinvolge più utenti e interagisce con altri processi.

“Nei processi aziendali – afferma Pier Luigi Zaffagnini, Amministratore Top Consult – le nostre soluzioni collaborative consentono di dare flessibilità agli utenti, ma nello stesso tempo di tenere sotto controllo le attività. Oggi sul mercato al centro delle soluzioni per i processi strutturati viene messo il workflow, che codifica le regole aziendali e l’organizzazione, creando un sistema che “automatizza” l’utente attraverso una serie di passi obbligati: questo approccio irrigidisce il suo lavoro e di conseguenza la stessa azienda. La nostra intuizione è stata quella di non mettere al centro il sistema ma le persone: rimuoviamo la rigidità dei processi aziendali e facciamo diventare “collaborativo” il sistema, mettendo al centro delle soluzioni l’Utente Collaborativo, sempre attivo, partecipe e informato”.

Leggi anche:  SB Italia, soluzioni business-ready

Il principale strumento di lavoro dell’Utente Collaborativo è la Home Page, personalizzabile secondo le sue esigenze, che gli permette di tenere sotto controllo gli ambienti collaborativi in cui è coinvolto: gruppi di lavoro, pratiche e workflow. Ogni utente può organizzare la sua Home Page tenendo in evidenza i gruppi e le pratiche “preferite”, avere a disposizione le ricerche che effettua più frequentemente e la bacheca nella quale si aggiornano in continuazione i messaggi e le notifiche degli ambienti collaborativi dei quali è “follower”.

E’ un nuovo modo “smart” di lavorare, che consente di velocizzare i processi aziendali strutturati e non, annullare le barriere comunicative e potenziare l’ERP aziendale che di solito non dispone di strumenti collaborativi e usa la posta elettronica per avvisi ed allerte agli utenti, posta che deve essere gestita e conservata a parte con notevole aggravio di tempi e costi.

Workflow e Pratiche diventano collaborativi: come introdurli in azienda?

Workshop gratuito Top Consult: venerdì 23 ottobre, ore 11.00, Smau Arena Fatturazione Elettronica Pad. 2

Le aziende devono oggi investire nelle soluzioni collaborative. Ma, dato l’impatto di queste sull’organizzazione, come introdurre praticamente in azienda il nuovo modo di lavorare? Top Consult, partner dell’Osservatorio Collaborative Business Application della School of Management del Politecnico di Milano, propone un metodo di azione per farlo a prezzi e tempi definiti. Prima la consulenza professionale dei ricercatori del Centro Innovazione Digitale della Fondazione Politecnico di Milano che valutano i potenziali benefici in aree specifiche e progettano le modalità collaborative; poi la fornitura da parte Top Consult degli strumenti collaborativi di TopMedia Social NED in uso gratuito e in modalità cloud per la verifica del caso di studio.

Leggi anche:  Per un nuovo inizio

Premio Innovazione Digitale Smau 2015: finalisti con Acque San Benedetto

Vinto a Smau Milano 2013 il Premio Innovazione ICT con un progetto documentale presso il Gruppo RINA, quest’anno Top Consult è in lizza come finalista del Premio con il caso di successo del cliente Acque San Benedetto.

Grazie al Sistema Documentale Top Consult, San Benedetto gestisce un ampio spettro di applicazioni chiave che rendono più veloci ed efficienti processi fondamentali dell’azienda, dai cicli attivo e passivo integrati con SAP alla conservazione sostitutiva di libri e registri, fino alla tenuta digitale del Libro Unico del Lavoro. Ora la nuova piattaforma enterprise TopMedia Social NED regge il peso di un enorme volume di oltre 26 milioni di documenti, tutti disponibili in linea, e apre la strada a nuovi progetti collaborativi per gruppi di lavoro.