P101@Unicas: il progetto che avvicina i giovani alla storia dell’informatica

Seeweb è partner del progetto P101@Unicas dell’Università di Cassino, per far rivivere la Programma 101 insieme ai suoi inventori

Si terrà il 10 novembre 2016 alle ore 10,00 presso l’aula “S2.1″ della Facoltà di Ingegneria in Via G. Di Biasio, 43 del Dipartimento di Ingegneria Elettrica e dell’Informazione “Maurizio Scaràno”
 Corso di Studi in Ingegneria dell’Informazione Università di Cassino, il primo incontro del progetto P101@Unicas ideato dai due Ing. Mario Molinara e Francesco Tortorella, che vede come partner il Cloud Provider Seeweb; azienda che è da sempre molto vicina agli eventi formativi che coinvolgono le scuole superiori e le università, allo scopo di diffondere la conoscenza di internet e l’importanza del cloud computing.

Il P101@Unicas rappresenta un’occasione unica per far conoscere ai ragazzi una parte fondamentale della storia dell’informatica italiana. Tutto parte dal Programma 101 della Olivetti, il primo computer ad uso personale di massa della storia lanciato nel 1965 dall’azienda italiana Olivetti e progettato dall’ing. Pier Giorgio Perotto insieme a Giovanni De Sandre e Gastone Garziera. Nel novembre 2015, Molinara e Tortorella, hanno preso i contatti con De Sandre e Garziera realizzando un simulatore del P101, adatto a girare anche su dispositivi mobile. Da questo simulatore: nasce il progetto P101@Unicas.

Il progetto sarà articolato in 4 fasi:

  • Formazione sulla P101: come è fatta e come funziona
  • Formazione sulla P101: come si programma
  • Esercitazioni personali
  • Partecipazione al contest finale

Il programma del P101@Unicas inizierà con un primo incontro al quale parteciperà anche De Sandre per raccontare la sua storia e quella della P101 ai ragazzi. Il contest (che si svolgerà durante i primi mesi del 2017) sarà incentrato sullo sviluppo di un codice per la P101. Sarà assegnato un tema comune alle diverse squadre coinvolte e ciascuna dovrà, in un tempo stabilito, scrivere il proprio algoritmo/programma risolutivo.

Leggi anche:  Un cannocchiale sull’IT

Una commissione di esperti valuterà i migliori lavori che riceveranno un riconoscimento direttamente dalle mani di De Sandre. Nell’arco della giornata, sarà possibile vedere ed usare una P101 funzionante tra quelle disponibili presso il museo Olivetti di Ivrea “Tecnologi@mente”.

«Sia io che Tortorella conoscevamo bene la storia della Programma 101. La squadra voluta da Pier Giorgio Perotto ruppe tutti gli schemi vigenti, passando da macchine alle quali gli umani dovevano adattarsi, a macchine adatte agli umani, semplici da usare, personali: un’idea rivoluzionaria che ha innescato quei rapidi cambiamenti che ormai sono radicati nella nostra vita quotidiana.

L’obiettivo principale del progetto sono i giovani: siamo convinti che sia necessario far incontrare eroi positivi come Perotto (anche se solo virtualmente), De Sandre e Garziera, tre persone che oltre 10 anni prima di Steve Jobs hanno inventato il primo computer da scrivania del mondo. In altri termini vogliamo aiutare i giovani a (ri)scoprire il genio italiano che negli anni del boom economico ci ha portati ad essere una delle eccellenze mondiali nel campo dell’elettronica digitale e dell’informatica, sperando al contempo di instillare in loro la convinzione che anche in Italia è possibile tracciare la strada verso il futuro», afferma Molinara.