Riello UPS corre in prima fila verso l’Industry 4.0

Le architetture tecnologiche di nuova generazione permettono all’azienda veneta di offrire gruppi di continuità intelligenti che permettono di gestire al meglio il flusso di energia

Correre veloce ma in maniera intelligente, come fa il Team Ducati Corse di MotoGP di cui è sponsor ufficiale. Così Riello UPS intende il panorama dell’Industry 4.0, un contesto che viaggia spedito verso nuovi scenari di business ma che richiede una programmazione attenta e smart per cogliere appieno le possibilità offerte dai singoli settori.

Proprio al tema della Smart Factory di I 4.0, Riello UPS, parte di Riello Elettronica, azienda veneta guidata da Pierantonio Riello, ha dedicato una giornata nella suggestiva cornice di Scarperia e San Piero, sulle colline adiacenti il circuito del Mugello, dove i partecipanti hanno approfondito i temi della quarta rivoluzione industriale e dei benefici che la tecnologia può portare a tanti ambiti di intervento, soprattutto quelli legati alla gestione dell’energia.

E proprio sull’Industry 4.0 Riello UPS scommette attraverso l’offerta dei gruppi di continuità dedicati ai contesti produttivi più avanzati, pienamente calati nella visione più innovativa del business perché basati su una catena di valore che fa dell’interconnessione il suo fulcro principale. Conosciuti come I4.0 Ready, gli UPS in questione permettono di ottenere diversi benefici grazie alle più recenti tecnologie sviluppate da Riello UPS: connettività bidirezionale e flessibile; ottimizzazione dell’energy storage; gestione dei flussi energetici; modularità e resilienza; power quality e continuity, sono solo alcune delle caratteristiche che contribuiscono a formare la smart factory pensata dall’eccellenza italiana.

Come raccontano le prime applicazioni su larga scala della Fabbrica 4.0, la necessità per chi offre strumenti a supporto dei processi è quella di far dialogare maggiormente hardware e software. Conosciamo quell’ampio panorama di device e soluzioni che prende il nome di Internet delle Cose, un ambito in cui oggetti un tempo passivi acquistano capacità proprie dei dispositivi di nuova generazione. Anche un UPS, di norma installato solo per fornire alimentazione elettrica, si trasforma nell’ottica di Riello UPS in un prodotto che può interfacciarsi con i sistemi circondanti, fornendo informazioni e programmando operazioni da remoto, così da gestire in maniera flessibile il carico di lavoro, in base alle necessità del momento.

Leggi anche:  Colocation data center, perché sono sempre più necessari?

Ma non solo: un apparato intelligente deve anche saper fare autodiagnosi, anticipando le attività di manutenzione per prevenire problematiche maggiori nel tempo. I gruppi di continuità di Riello UPS agiscono proprio in questo modo, prevedendo dove e quando intervenire per risparmiare sui costi di assistenza e sostituzione. La gamma dei gruppi di continuità Smart Grid Ready comprende UPS monofase e trifase con potenza da 400 VA, ideali sia per ambienti domestici che per uffici (ad esempio per singole postazioni di lavoro) e a 6,4 MVA, concepiti per grandi impianti industriali e data center.

Di particolare interesse è la nuova serie di Sentinel Dual SDU. Quello che cambia è nel 42% di potenza in più grazie al fattore di potenza unitario; la compattezza delle dimensioni; l’efficienza in modalità online (del 95%); la riduzione del consumo energetico pari al 40% rispetto ai tradizionali UPS online; l’adozione di Inverter a tre livelli e le ventole controllate. Completano il quadro la configurazione duale tower/rack, la possibilità di ottenere una configurazione con doppio ingresso e l’aggiunta di unità per arrivare a un 2 + 1 con ridondanza.

Installabili a pavimento o in armadi rack per applicazioni di rete, sono disponibili nei modelli da 5-6-8-10 kVA/kW con tecnologia online a doppia conversione (VFI) e fattore di potenza=1, che garantisce il 42% di potenza in più (rispetto ad un UPS con basso fattore di Potenza – cosfi 0,8), sono completamente Made in Italy ed estremamente compatti (3U per 6000W, batterie incluse). Inoltre, la flessibilità di installazione e uso (grazie al display digitale e al modulo batterie sostituibile dall’utente) e le numerose opzioni di comunicazione disponibili rendono i Riello UPS Sentinel Dual adatti a un’ampia varietà di applicazioni, dall’informatica alla sicurezza. Il carico è alimentato costantemente dall’inverter, che eroga una tensione sinusoidale filtrata e stabilizzata in termini di tensione, forma e frequenza. Inoltre, i filtri di ingresso e uscita aumentano notevolmente l’immunità del carico a disturbi di rete e fulmini. Una delle novità più importanti della gamma Sentinel Dual è quella di essere parallelabili fino a un massimo di tre unità per triplicare la potenza del prodotto unitario. Inoltre possono essere configurati per funzionare in modalità N+1, aumentando l’affidabilità dei sistemi critici. All’interno della gamma Sentinel Dual i due modelli SDU6000 e SDU10000 sono disponibili anche in versione ER con 6A di corrente di ricarica e il modello SDU10000 anche in configurazione con doppio ingresso.

Leggi anche:  L'iPhone 13 potrebbe essere pieghevole