La più recente patch di Windows 10 blocca il software McAfee e Sophos

Un nuovo zero-day di Windows spaventa gli IT manager

Le patch di sicurezza inserite nell’aggiornamento stanno causando problemi agli utenti di McAfee e Sophos ma anche Avast, Avira e ArcaBit

Con la solita, periodica, programmazione di rilascio, Microsoft ha diffuso la sua Windows 10 May Patch. Bella mossa, non c’è che dire, ma non priva di problemi. Pare infatti che il più recente aggiornamento causi più di un grattacapo agli utenti che usano software di McAfee, Sophos, Avast, Avira e ArcaBit. Queste problematiche includono il congelamento o il blocco del sistema operativo all’avvio, soprattutto per le versioni Enterprise di Windows 10. “Microsoft e McAfee hanno identificato un problema relativo ai dispositivi con McAfee Endpoint Security (ENS) Threat Prevention 10.x, McAfee Host Intrusion Prevention (Host IPS) 8.0 e McAfee VirusScan Enterprise (VSE) 8.8. Questa seccatura potrebbe rallentare il sistema o far si che l’OS non risponda al riavvio dopo l’installazione dell’aggiornamento”.

Cosa fare

Altri problemi segnalati con l’ultimo update includono un cosiddetto bug della “doppia installazione”, che installa le patch più di una volta, oltre a impossibilità di accesso ad alcuni siti governativi in vari paesi, tra cui il Regno Unito. Ed è questo secondo punto quello più preoccupante, in quanto suggerisce che i portali pubblici in questione non sono del tutto conformi agli standard di sicurezza richiesti da Edge. Per ritornare al corretto funzionamento dei PC, Sophos consiglia di effettuare un downgrade, disintallando l’aggiornamento di sicurezza di Windows 10, esponendo però gli utenti ai rischi di una vulnerabilità, classificata però critica sia da Microsoft sia dalla stessa Sophos. “La compagnia sta lavorando per determinare il problema e fornirà una guida continua ai clienti” – ha spiegato l’azienda che fornirà più in avanti tempi e modalità di correzione del malfunzionamento dei suoi software con il Windows 10 May, risolvendo tecnicamente l’incompatibilità.

Leggi anche:  Un’azienda italiana ha in media 37 soluzioni di sicurezza installate, ma molte non vengono utilizzate