I cantieri del futuro: l’IoT trasforma il settore dell’edilizia

Gli sviluppi del 5G nel 2021

L’Internet of Things (IoT) sta avendo un forte impatto sul settore edilizio. Mettere in connessione i cantieri, aumentare la sicurezza, ridurre gli incidenti e migliorare i processi lavorativi: tutte cose rese possibili dall’avanzata degli strumenti digitali. L’analisi dei dati raccolti dai sensori IoT rende i cantieri più intelligenti e – nel frattempo – migliora la produttività

A cura di Pier Giuseppe Dal Farra, IoT Industry Business Expert di Orange Business Services

L’IoT ha già apportato grandi benefici in molti settori industriali e il prossimo a sentirne davvero l’impatto sarà l’edilizia. I tempi sono maturi: il settore assiste a un aumento di complessità operativa e dall’inizio del decennio scorso le società edilizie stanno crescendo in scala, ampliando le loro operazioni: devono coordinare più progetti contemporaneamente in diverse aree geografiche; allo stesso tempo ottimizzare la gestione del ciclo di vita delle risorse e gestire scadenze più ravvicinate per prevenire potenziali ritardi e ridurre i costi inutili.

Tutto ciò significa che è necessaria una gestione più solida, in grado di far fronte all’aumento della concorrenza e alla necessità di prestare maggiore attenzione all’ambiente. Le tecnologie digitali mostrano la strada da seguire.

Quali vantaggi offre il digitale?

Per cominciare, maggiore sicurezza dei lavoratori. In questo settore l’IoT ha il potenziale per ridurre notevolmente tutti i tipi di incidenti, grazie a soluzioni digitali come sensori collocati direttamente sui vestiti e sugli elmetti protettivi dei lavoratori, dispositivi indossabili che monitorano i materiali pericolosi in cantiere, sensori che avvisano nel caso in cui i lavoratori entrino in aree non sicure.

Collegando i cantieri tramite sensori, telecamere a circuito chiuso e persino droni che trasmettono tutti i dati a un ufficio centrale si ottiene il reporting in tempo reale. In questo modo è possibile sapere sempre a che punto si trova un progetto e come intervenire se si scoprono dei ritardi. Sensori e tag RFID sui materiali rendono automatici i flussi di lavoro, consentendo di ordinare materiali in modo proattivo e di eseguire la manutenzione delle apparecchiature. Allo stesso modo, i sensori sulle apparecchiature del sito monitorano i livelli di utilizzo e possono segnalare potenziali problemi per la manutenzione preventiva: in genere, i cantieri a corto di materiali o che richiedono manutenzione delle apparecchiature tendono a comportare ritardi costosi. L’IoT aiuta a far progredire ogni progetto.

Leggi anche:  SAS, come i dati e le tecnologie possono supportare il ‘next normal’

L’IoT consente un miglioramento continuo

Questo è il punto cruciale: il valore ultimo dell’IoT sono i dati, che le aziende possono utilizzare per apportare miglioramenti continui. Orange ha stretto un’alleanza con GHD in Australia per aiutare le aziende a utilizzare soluzioni IoT per ottenere informazioni istantanee dai dati, che generano benefici tangibili per le loro attività.

Questo processo è progettato per aiutare le imprese di costruzione a migliorare il loro modo di lavorare, prendendo decisioni in tempo reale e sfruttando i dati raccolti dalle loro organizzazioni.

L’emergere di IA e ML

L’intelligenza artificiale (IA) e il machine learning (ML) si apprestano ad assumere un ruolo crescente nel settore edilizio, grazie alla loro capacità di sfruttare i dati e trasformarli in valore tangibile. Le imprese di costruzione possono utilizzare AI e ML per analizzare informazioni su livelli di inventario, tabella di marcia e persino dati specifici del progetto – come condizioni meteorologiche avverse o altri inconvenienti – così da evitare di incorrere in errori o problemi già affrontati. Queste tecnologie consentono di valutare meglio le tempistiche e di ottenere informazioni più accurate sul numero di lavoratori e sulle altre risorse necessarie ai progetti, aiutando così a ridurre al minimo sprechi e costi e rendendoli più efficienti.

Non solo IA e ML sono in grado di trasformare il modo in cui le imprese edili portano avanti i progetti, ma hanno anche un impatto sulle condizioni di lavoro quotidiane per i dipendenti nei cantieri. Orange è ben consapevole del potenziale dei dati e lo ha dimostrato con l’acquisizione di Basefarm, uno dei principali player dell’infrastruttura e nei servizi basati su cloud, oltre all’analisi dei dati. La consociata della società, The unbelievable Machine Company, è all’avanguardia nell’analisi dei big data e nello sfruttare l’IoT per la trasformazione: visualizzare i dati e sfruttare AI e ML per creare approfondimenti automatizzati ha un potenziale enorme.

Leggi anche:  Oracle: arrivano il nuovo DB 21c e APEX

Costruzioni e infrastrutture

È dimostrato che la nostra piattaforma per oggetti connessi fornisca valore nei cantieri, monitorando il movimento di materiali e risorse per creare flussi di dati in tempo reale, consentendo benchmark delle prestazioni e una precisione senza precedenti. È un vantaggio per i progetti ora e nel lungo termine: queste informazioni intelligenti, basate sui dati, aiutano le imprese edilizie a utilizzare le apparecchiature chiave degli impianti in modo più efficiente. Ciò consentirà loro di prendere decisioni migliori in materia di investimenti, fornire visibilità all’ecosistema dei partner nella filiera locale e aumentare la produttività del sito utilizzando le nostre soluzioni IoT e AI combinate con l’esperienza di ingegneria e progettazione.

Un passo in avanti per l’IoT nel settore edilizio

È opinione diffusa che il settore edilizio sia stato lento nell’adottare nuove tecnologie come l’IoT e, secondo McKinsey, è sotto-digitalizzato, con le aziende che non riescono a realizzare il potenziale di IA, IoT e altri strumenti digitali come driver di crescita ed efficienza.

Eppure, le imprese di costruzioni riconoscono chiaramente la necessità e il potenziale della tecnologia digitale: il 95% di quelle intervistate da KPMG afferma di ritenere che le tecnologie emergenti, incluso l’IoT, cambieranno radicalmente il loro settore, mentre un ulteriore 72% afferma che l’adozione di nuove tecnologie, comprese le implementazioni dell’IoT, faccia già parte della loro visione strategica. PwC riferisce che il 98% delle industrie del settore prevede di aumentare l’efficienza fino al 12% con tecnologie digitali come manutenzione predittiva abilitata all’IoT o AR.

L’edilizia è pronta per la trasformazione tecnologia digitale e le aziende che non agiscono rapidamente correrebbero il rischio di rimanere indietro.

Leggi anche:  I vantaggi della digitalizzazione dei processi aziendali