Più di un miliardo di telefoni e tablet Android in tutto il mondo sono vulnerabili agli hacker

Più di un miliardo di telefoni e tablet Android in tutto il mondo sono vulnerabili agli hacker

I dispositivi con Android 7 e versioni precedenti sono a rischio, in particolare Android 4 e precedenti

Quando affermiamo l’importanza di aggiornare all’ultima versione di Android ci riferiamo anche a questo. Più di un miliardo di telefoni e tablet sono vulnerabili agli hacker perché non sono più supportati dagli aggiornamenti di sicurezza. Una nuova ricerca, presa in esame da Which?, una sorta di consumer report britannico, ha riscontrato che il 40% degli utenti Android utilizza versioni del sistema operativo di Google che non ricevono più update fondamentali e security fix.

I telefoni più a rischio sono quelli che eseguono Android 4 o precedenti, ma dovrebbero preoccuparsi anche i possessori di un Android 7.0, oramai fuori dalla cerchia degli aggiornamenti. Lo studio, basato sui dati di Google, evidenzia l’importanza di utilizzare software aggiornati per evitare di essere a rischio di furto di dati, richieste di riscatto e altri attacchi di malware.

Le versioni di Android a rischio hacker

L’ultima versione di Android disponibile è la numero 10 ma Android 9 e 8 continuano “teoricamente” ad ottenere aggiornamenti di sicurezza e quindi usarli non è ancora un problema. Ma questo non vuol dire che in giro non si trovino device con OS precedenti, vulnerabili. Tanto che gli esperti, per analizzare i loro studi, hanno portato nei loro laboratori una selezione di telefoni e tablet interessati, inclusi smartphone ancora disponibili per l’acquisto da mercati online come Amazon. I device testati includevano il Motorola X, Samsung Galaxy S3, Sony Xperia Z2 e Nexus 5, prodotto da LG e commercializzato da Google.

Tutti potrebbero essere infettati da malware di recente produzione, perché indifesi. Secondo i dati del 2019 di Google, ci sono oltre 2,5 miliardi di dispositivi Android attivi nel mondo. Sulla base delle informazioni, ferme a maggio 2019, il 42,1% ha la versione 6.0 o precedente. tra cui Marshmallow (2015), Lollipop (2014), KitKat (2013), Jellybean (2012), Ice Cream Sandwich (2011) e Gingerbread (2010).

Leggi anche:  Mead Informatica, servizi per un'azienda più sicura