Cisco e Comune di Firenze, protocollo di intesa su competenze digitali, innovazione e territori smart

Cisco e Comune di Firenze, protocollo di intesa su competenze digitali, innovazione e territori smart

L’annuncio del protocollo di intesa è stato dato nel corso di una conferenza stampa svolta online per il lancio dell’iniziativa Firenze Digitale

Cisco Italia e il Comune di Firenze hanno siglato un protocollo di intesa che nasce per sostenere gli obiettivi di diffusione delle competenze digitali, di accelerazione dell’innovazione e di sviluppo smart del territorio.

Due le iniziative principali previste all’avvio della collaborazione.

  • Firenze Digitale Education, un progetto che offre ai cittadini, alle imprese del territorio e ai dipendenti del Comune di Firenze l’accesso a corsi di formazione sulle tecnologie digitali, basati sui contenuti della piattaforma Cisco Networking Academy. Attraverso il sito firenzedigitale.it si apriranno le porte di “aule virtuali” dove acquisire o migliorare competenze di base, di cybersecurity, di networking, tecnologie dell’Internet delle Cose (IoT- Internet of Things).
  • Firenze Digitale Smart City, un contenitore aperto allo sviluppo di iniziative legate all’introduzione di servizi innovativi per il governo del territorio (e-governance) cogliendo le opportunità della digitalizzazione in un contesto altamente sicuro, che applichi le migliori tecnologie a difesa di identità, dati e applicazioni.

L’annuncio del protocollo di intesa è stato dato nel corso di una conferenza stampa svolta online per il lancio dell’iniziativa Firenze Digitale, cui hanno partecipato, tra gli altri, il sindaco di Firenze Dario Nardella, l’Assessore all’Innovazione del Comune di Firenze Cecilia Del Re e l’Amministratore Delegato di Cisco Italia, Agostino Santoni.

“Con questo accordo consolidiamo un rapporto di collaborazione votato all’innovazione come strumento per creare opportunità in modo inclusivo, sicuro e accessibile a tutti” ha commentato Santoni. “Competenze e sicurezza sono i due pilastri su cui si regge la digitalizzazione e servono iniziative come questa, che vedono l’impegno congiunto di pubblico e privato, per portarle avanti; mettendo le persone al centro, perché ottengano le skill richieste per usare i servizi, le piattaforme digitali che fanno parte di ogni aspetto della nostra vita, e per contribuire ai loro futuri sviluppi”.

Leggi anche:  La peggiore crisi del silicio di sempre: Apple potrebbe ridurre la produzione di iPhone 13 di milioni

“Un progetto che mette insieme il valore dell’apertura alle partnership pubblico-private e il grande tema delle competenze digitali legate all’education”, hanno aggiunto il sindaco Dario Nardella e l’assessore all’Innovazione Cecilia Del Re.