Il Service Management secondo Sarce

Il Service Management secondo Sarce

Come un progetto di Service Management “aumentato” può favorire l’innovazione di processo nel mondo ICT

Sarce è un’azienda con oltre 40 anni di attività alle spalle. Nel corso di questi anni ha sempre cercato di selezionare le migliori proposte del mercato IT per trasformarle in soluzioni innovative per le aziende: non a caso, oggi una folta schiera di PMI e società multinazionali beneficia dei servizi dell’IT company fondata a Parma nel 1977, come testimoniano le numerose partnership instaurate da Sarce con le più importanti multinazionali dell’ICT tra cui Microsoft, IBM, Check Point, Lenovo, Veeam, Kaspersky, Nutanix.

Il lungo e solido trascorso nel mondo dell’informatica non ha però determinato uno statico attaccamento di Sarce al passato ma, al contrario, si è rivelato una formidabile piattaforma di know-how per cogliere e affrontare da protagonista molti dei più importanti cambiamenti che hanno contraddistinto l’informatizzazione dei processi aziendali dell’ultimo decennio. Lo sviluppo di App Mobile, l’esperienza maturata sulle maggiori piattaforme Cloud, la proposta di ERP di ultima generazione, la conoscenza delle più innovative soluzioni di Analitycs, l’esperienza qualificata sulla gestione e la sicurezza delle infrastrutture IT sono le principali skill che fanno di Sarce una delle IT company più dinamiche e innovative nel panorama italiano.

Il CIO come cuore pulsante dell’innovazione in azienda

Nicola Azzoni, BU Innovation Director di Sarce

Man mano che le organizzazioni crescono, diventa sempre più chiaro come i cambiamenti organizzativi e culturali debbano essere supportati da un sistema informativo in grado di contribuire alla realizzazione degli obiettivi dell’impresa. In questo scenario, con un partner adeguato di Service Management si può arrivare al successo del business, garantendo performance ottimali. «La peculiarità di Sarce nasce dalla capacità di affiancare le aziende nella propria evoluzione, consolidando gli investimenti realizzati, grazie alla messa in campo di professionisti all-round, selezionati in base alle esigenze di ogni singola impresa. Si tratta di competenze non facilmente replicabili dal reparto IT interno all’azienda, che contribuiscono a liberare risorse dal “quotidiano”, mantenendo talenti e competenze e integrando in modo organico e non distruttivo le tecnologie emergenti. In questo modo il CIO può dedicarsi alle sfide strategiche, rimanendo il fulcro dell’innovazione dell’azienda e trovando nel Service Manager di Sarce il perfetto alleato per guidare e governare il cambiamento. L’assistenza e la consulenza di Sarce entrano così a far parte di quell’insieme di azioni risolutive che accompagnano il Cliente senza imporre scelte di campo in termini Vendor e partner e che contribuiscono a ridurre i costi e supportare la resilienza in un’azienda» ci spiega Nicola Azzoni, BU Innovation Director di Sarce. La logica di miglioramento continuo permea le azioni dei system integrator che vogliano essere di reale supporto alle aziende attraverso un processo capace di raggiungere con piena soddisfazione obiettivi rilevanti. «La negoziazione delle caratteristiche e dei livelli di Servizio è un tema particolarmente caldo nelle aziende clienti: Sarce implementa un processo di continua revisione e miglioramento della qualità, in grado di soddisfare tutti gli stakeholder coinvolti, misurando i livelli di servizio raggiunti e le risorse utilizzate, offrendo un quadro preciso del continuous improvement». Sarce, da sempre, interviene all’interno della catena del valore dei clienti con una offerta costruita su misura, in cui l’esternalizzazione dei servizi informatici può essere “calibrata” sulla scorta di precise esigenze: «I nostri rapidissimi tempi di risposta e reazione, le nostre competenze certificate e la nostra capacità di creare team di lavoro che possiedano tutte le skills necessarie al supporto di infrastrutture e architetture moderne, ci consentono di aggredire il mercato con un rilevante elemento di differenziazione» conclude Azzoni.

Leggi anche:  L'AI al servizio della ricerca medico-scientifica: Microsoft lancia AI for Health

La gestione dei rischi attraverso il Service Management: analisi, controllo e formazione

Leonardo Mutti, Technology & Innovation Manager di Sarce

Tra gli elementi essenziali che caratterizzano il Service Management di Sarce ci sono, in particolare, l’allineamento strategico e la misurazione dei rischi che potrebbero compromettere la struttura. Parliamo di rischi concreti per le aziende poiché nello scenario odierno, ormai saturo di cyber attack, la sicurezza informatica costituisce uno strumento fondamentale per garantire l’operatività delle infrastrutture e dei sistemi, proteggendo i dati in essi contenuti. Questi fenomeni, oltre a incidere sul corretto funzionamento di numerosi business e attività produttive, coinvolgono direttamente i responsabili dei servizi ICT, che sono il veicolo attraverso il quale sono perpetrate le violazioni informatiche. Sarce è in grado di gestire ed erogare adeguati servizi IT alle aziende, sapendo assicurare che il giusto mix di persone, processi e tecnologie sia attuato allo scopo di creare e fornire valore, in una logica di offerta “aumentata”. Leonardo Mutti, Technology & Innovation Manager di Sarce, ci racconta come la funzione Technical Security, inserita nell’ambito dell’esternalizzazione dei servizi informatici alle aziende, contribuisca alla strategia aziendale, agendo soprattutto sul fattore critico di successo “qualità del servizio”, occupandosi di proteggere i dati e le informazioni da attacchi esterni che potrebbero compromettere il business. «Per garantire la sicurezza degli asset informatici dell’azienda, è opportuno adottare un sistema di gestione della sicurezza informatica che garantisca un controllo efficiente del rischio e la protezione delle informazioni. Il modello di gestione della sicurezza informatica seguito dal nostro Team di Service Management è in grado di valutare lo stato di sicurezza dei sistemi, determinare opportune strategie di intervento e introdurre delle best practices per presidiare con continuità la sicurezza dei sistemi».

Leggi anche:  Investire in maniera smarter per accelerare e ottimizzare la gestione dei dati
Mauro Peretti, BU Network Security & Server Management Director di Sarce

A Mutti fa eco Mauro Peretti, BU Network Security & Server Management Director di Sarce, circa l’importanza di adottare una macro-fase di controllo dei rischi che venga ripetuta ciclicamente nel corso della vita di un buon progetto di Service Management, verificando continuamente il mantenimento e il miglioramento del livello di sicurezza ottenuto in seguito alla valutazione dei rischi. «Gestione della sicurezza embedded, gestione degli accessi e controllo costante sono i capisaldi di un approccio al Service Management che permetta all’IT di allinearsi alle esigenze del business. La macro-fase di controllo del rischio è molto articolata, poiché è legata ad altri processi aziendali che sono finalizzati a gestire i rischi associati a situazioni specifiche, come quelli legati alle credenziali di accesso ai sistemi o quelli relativi alle vulnerabilità dei sistemi stessi. In Sarce insistiamo da anni sul miglioramento della comunicazione e la maggiore trasparenza dei dati scambiati tra i team aziendali, grazie a una adeguata formazione di base e al sostegno alla fase di definizione dei perimetri d’intervento: un corretto processo di ICT Risk Management coinvolge infatti tutti gli attori dell’azienda, grazie a efficaci sistemi di training (come quello proposto da Kaspersky)».

Partner di successo e qualità del servizio erogato per garantire un servizio “aumentato”

Ennio Quaretti, Vicepresidente di Sarce Spa

Il miglioramento delle performance del processo di Service Management è in grado di incidere positivamente sull’aumento della sicurezza in azienda, così come la conoscenza del grado di rischio permette di prevenire e controllare gli “incidenti” in maniera più efficace, incrementando l’affidabilità dei sistemi e garantendo una maggiore continuità nel servizio. Ma all’interno dell‘IT Governance molteplici sono gli elementi da prendere in considerazione. In primo luogo, l’erogazione del valore, assicurando che l’esternalizzazione dei servizi produca i benefici promessi rispetto agli obiettivi strategici, tenendo i relativi costi sotto controllo. Poi, la gestione delle risorse, assicurandosi che applicazioni, informazioni, infrastruttura e risorse umane siano ottimizzate in modo efficace. Infine, l’IT Audit e quindi la misurazione delle performance, controllando l’implementazione e le prestazioni della strategia IT in essere. Si tratta insomma di un processo (o un insieme di processi) sistematico e continuo, che fa parte integrante del governo dell’azienda, la cui responsabilità ricade sull’intero modello di business. «Un progetto di Service Management “aumentato” con Sarce, favorendo la diffusione del processo di IT Management nell’organizzazione, ne migliora le prestazioni e contribuisce alla strategia aziendale grazie a un miglior presidio tecnico dei sistemi informatici» afferma Ennio Quaretti, Vicepresidente di Sarce Spa. «La sinergia con i vendor e con i player che costituiscono il tessuto connettivo “informatico” del territorio, per Sarce, è da sempre una risorsa inestimabile. Le nostre partnership strategiche consentono alle aziende di implementare progetti di Service Management in modo agevole e professionale, salvaguardando gli investimenti tecnologici già effettuati e creando nuove opportunità di business. Fondamentale è il training, affinché i problemi in ambito informatico su cui si è intervenuti a livello di Service Management non si presentino nuovamente. Risulta allora determinante pianificare adeguatamente un programma di formazione continua dei dipendenti finalizzato alla diffusione della “cultura ICT” a tutti i livelli dell’organizzazione».

Leggi anche:  Trenord: al via il test per prenotare il viaggio in treno per evitare affollamenti