Bucarest vince la gara per ospitare il Centro europeo per la sicurezza informatica

Bucarest vince la gara per ospitare il Centro europeo per la sicurezza informatica

La capitale rumena è stata scelta tra altre sei città europee come luogo dove sorgerà il centro dell’UE di cybersecurity

Nella tana del lupo. O almeno così si potrebbe dire nel merito di Bucarest che è stata scelta come città dove sorgere il primo centro di cybersecurity con governance europea. La Romania, si sa, è da sempre culla di hacker e cracker, e il fatto che un edificio del genere sorga proprio nel cuore del paese è una risposta netta alla volontà di vincere il crimine informatico.

La capitale rumena ha dunque vinto la gara per ospitare il nuovo European Cybersecurity Industrial, Technology and Research Competence Centre, ossia ECCC, come confermato dal ministro degli Esteri rumeno, Bogdan Aurescu. “Un successo eccezionale per la Romania” – ha scritto Aurescu online – “dopo intensi sforzi diplomatici, Bucarest è stata eletta per ospitare il Centro per la sicurezza informatica dell’UE, la prima agenzia dell’UE in Romania”. Bucarest è stata scelta tra Bruxelles, Monaco, Varsavia, Vilnius, Lussemburgo e León, in Spagna.

Un 2021 di risposta al crimine online

“L’esperienza rumena nel settore IT è riconosciuta nell’UE. La Romania è pronta a lavorare sodo per un ecosistema di sicurezza informatica europeo” ha continuato il ministro su Twitter. Secondo il Consiglio europeo, i criteri per scegliere la città ospite dell’ECCC includevano “la data in cui il centro può diventare operativo”, “connettività, sicurezza e interoperabilità con le strutture IT per gestire i finanziamenti dell’UE” e l’esistenza di un “ecosistema di sicurezza informatica”.

Negli ultimi anni, la Romania è entrata nel circolo delle città migliori sotto tutti questi punti di vista, per le sue capacità di sicurezza informatica. Nel frattempo però, il paese balcanico è anche noto per essere la base di molti gruppi di criminali informatici che da qui lanciano i loro attacchi di frode in tutto il mondo.

Leggi anche:  Kaspersky scopre una campagna di cyberspionaggio attiva da 6 anni nel Medio Oriente