FINIX Technology Solutions sigla un accordo con SentryBay

FINIX Technology Solutions sigla un accordo con SentryBay

L’HUB tecnologico aggiunge alla sua già solida lineup una soluzione software in grado di proteggere gli endpoint e i dispositivi personali, garantendo continuità di protezione alle aziende che ricorrono al lavoro agile

Grazie alla collaborazione con SentryBay, pioniere della tecnologia con un approccio unico ai problemi della sicurezza dei dati, FINIX Technology Solutions arricchisce la propria suite di cybersecurity con una soluzione che risponde a una stringente e molto attuale esigenza delle aziende, quella di poter contare sulla totale sicurezza dell’infrastruttura informatica utilizzata dalla loro forza lavoro, in continua alternanza tra smart working e lavoro in ufficio.

Negli ultimi mesi, il numero di attacchi informatici è aumentato esponenzialmente, andando a minacciare in maniera massiccia gli endpoint (vale a dire i dispositivi in grado di connettersi alla rete aziendale centrale) e trovandovi terreno fertile: il 42% di tutti gli endpoint, infatti, è privo di protezione ed è così che il 70% delle violazioni della sicurezza dei dati ha origine proprio da un endpoint, con i programmi spia (keylogger) che sono divenuti oggi i malware più diffusi al mondo.

SentryBay, che vanta anni di esperienza nel settore della cybersecurity, ha sviluppato soluzioni di protezione degli endpoint uniche e brevettate – scelte già da importanti istituzioni del mondo finanziario, assicurativo, legale, industriale e non solo –, che agiscono in maniera proattiva e in tempo reale garantendo un accesso sicuro da remoto tramite la compartimentazione stagna delle applicazioni, lo scrambling (rimescolamento) dei dati, la limitazione degli accessi per un browser sicuro (consentendo solo quelli a degli URL specifici corrispondenti ai servizi a cui accedere) e molto altro.

La soluzione di punta di SentryBay – Armored Client – è in grado di proteggere e migliorare la conformità ai protocolli di qualsiasi applicazione che accede da remoto, di natura aziendale e SaaS, in qualsiasi organizzazione con struttura verticale (bancaria, assicurativa, amministrativa, sanitaria, contabile/legale, ecc.).

Leggi anche:  In che modo la natura usa e getta della tecnologia mette a rischio i dati aziendali

Le soluzioni di SentryBay sono semplici da implementare e non necessitano di particolari configurazioni, cosa che le rende il complemento perfetto per le altre soluzioni già a portfolio di FINIX Technology Solutions, che può offrire così ai propri clienti e al proprio canale di vendita una suite di cybersecurity completa.

La collaborazione fra FINIX Technology Solutions e SentryBay si inserisce nel solco dell’importante attività di scouting, selezione e supporto di start-up e scale-up tecnologiche che la società sta portando avanti ormai da mesi – al fianco della consueta attività di distributore unico in Italia dei prodotti Fujitsu.

“Realtà internazionali di questo tipo offrono soluzioni innovative e all’avanguardia in ambito di protezione, interpretazione, elaborazione e raccolta dei dati, ma capita che difettino delle capacità strategiche necessarie a imporsi sul mercato italiano.” – ha commentato Danilo Rivalta, CEO di FINIX Technology Solutions – “Dopo un rigoroso processo di selezione, FINIX Technology Solutions è orgogliosa di accogliere nel suo “hub tecnologico” SentryBay: opereremo per fungere da catalizzatore al processo di crescita di questa realtà, mettendo a disposizione della forza innovativa della sua proposta il nostro know-how tecnologico, di marketing, commerciale e amministrativo.”

“Il nostro obiettivo è di distribuire la nostra soluzione di sicurezza unica a livello internazionale in modo che le aziende possano beneficiare di una protezione completa per i propri dispositivi endpoint”, ha affermato Marcus Whittington, Chief Operations Officer di SentryBay. “Siamo lieti di lavorare in stretta collaborazione con FINIX: l’accordo che abbiamo stretto ci consente di soddisfare le esigenze delle aziende italiane per contrastare le minacce sempre più virulente degli attacchi informatici.”