Citrix acquisisce Wrike

IBM acquisisce 7Summits

Un passo avanti verso il futuro del lavoro e il workspace digitale moderno

Citrix Systems annuncia di aver siglato un accordo definitivo per l’acquisizione di Wrike, piattaforma SaaS leader nell’ambito del “collaborative work management”, per una cifra pari a 2,25 miliardi di dollari cash. Citrix ha anche annunciato i ricavi per il quarto trimestre e l’anno fiscale conclusosi il 31 dicembre 2020, pubblicando tra i documenti una lettera di presentazione dei risultati finanziari e una presentazione per gli investitori sul suosito dedicato.

L’acquisizione porterà all’unione della potente piattaforma di Citrix per il lavoro digitale,  che distribuisce in piena sicurezza le risorse necessarie affinché un lavoratore possa essere produttivo all’interno di un un’esperienza d’uso unificata, e l’innovativa soluzione di gestione del lavoro di Wrike, che razionalizza i processi di collaborazione e di esecuzione del lavoro mettendo a disposizione nuovi strumenti per essere più efficienti, in sicurezza ovunque ci si trovi. L’aggiunta delle funzionalità cloud di Wrike aiuterà ad accelerare la transizione del modello di business di Citrix verso il Cloud e la sua strategia finalizzata a diventare una piattaforma completamente basata su SaaS per rispondere alle necessità dei diversi dipartimenti aziendali.

Quest’offerta combinata metterà a disposizione dei clienti servizi a valore aggiunto grazie a soluzioni complementari che apriranno nuove opportunità di crescita sia con l’attuale base clienti che con nuove linee di business tra cui il marketing, i servizi professionali e le Risorse Umane. Insieme, Citrix e Wrike lavoreranno con 400.000 clienti in 140 Paesi. Inoltre, Wrike avrà accesso al solido ecosistema di partner di Citrix con nuove opportunità per creare valore per i suoi clienti.

Con sede a San Josè, California, e con oltre 1000 dipendenti, Wrike, azienda di Vista Equity Partners, conta circa 18.000 clienti in tutto il mondo con soluzioni che permettono a team di lavoro distribuiti di pianificare, gestire e completare in modo effciente il proprio lavoro, su larga scala. La crescita di Wrike su base autonoma è stimata attorno al 30% pari a una cifra tra i 180 e I 190 milioni di dollari in in entrate SaaS ricorrenti annualizzate (ARR[1][1]) nel 2021, con la possibilità di accelerare la crescita nel tempo, sotto la proprietà di Citrix.

Leggi anche:  Lutech acquisisce BeeToBit

Realizzare il futuro del lavoro

“Oggi il lavoro è ovunque – a casa, in ufficio e per strada. Crediamo che in futuro il successo arriderà alle aziende che sapranno adottare modelli di lavoro flessibile e ibrido, per offrire un’esperienza sicura, coerente ed efficiente che rimuova complessità e distrazioni dal lavoro, affinché sia possibile concentrarsi e lavorare al meglio ovunque ci si trovi,” ha detto David Henshall, Presidente e CEO di Citrix. “Insieme, Citrix e Wrike distribuiranno le soluzioni necessarie per un’esperienza di lavoro digitale basata su cloud che permetta ai team di accedere in modo sicuro alle risorse e agli strumenti di cui hanno bisogno per collaborare nel modo più efficiente, ovunque si trovino, attraverso qualsiasi canale e su qualsiasi dispositivo.”

Allargare il Digital Workspace

Citrix offre una piattaforma digitale leader di mercato con cui le aziende possono accedere ai sistemi, alle informazioni e agli strumenti di cui le persone hanno bisogno per lavorare in maniera sicura e affidabile, ovunque si trovino. Con l’aggiunta dell’offerta di Wrike, Citrix allargherà la sua piattaforma per includere nuove funzionalità di collaborazione che permetteranno alle aziende di semplificare l’esecuzione del lavoro migliorando al massimo la produttività e l’efficienza di chi lavora, automatizzando e razionalizzando la collaborazione e unificando al tempo stesso i flussi di lavoro per tutti gli impiegati e gli stili di lavoro.

“Quando si tratta del futuro del lavoro, Citrix e Wrike condividono una visione e una missione comune: ridurre la complessità e il caos per permettere a ogni persona, a ogni gruppo di lavoro e a ogni azienda di operare al meglio. Insieme, sveleremo il workspace del futuro, trasformando davvero l’esperienza di lavoro e dando alle persone un set di soluzioni innovative che potranno utilizzare per andare oltre i loro obiettivi   facendo crescere il business” ha detto Andrew Filev, fondatore e CEO, Wrike.

Leggi anche:  Acronis sarà "Official Artificial Intelligence Partner" dell'A.S. Roma

Dettagli finanziari

Wrike ha chiuso l’anno fiscale 2020 con oltre 140 milioni di dollari in entrate ricorrenti annuali Saas non sottoposte a revisione, pari a un tasso annuo di crescita composto del 30% in entrate ricorrenti annuali Saas nei due anni precedenti. L’azienda si aspetta una crescita di circa il 30% su base autonoma per arrivare a una cifra compresa tra i 180 e i 190 milioni di dollari in entrate ricorrenti annuali SaaS nel 2021, con l’opportunità di accelerare la crescita nel tempo, sotto la proprietà di Citrix. L’aggiunta dell’offerta di Wrike è altamente complmentare per l’esistente base clienti di Citrix e ci si aspetta che acceleri la crescita delle sue entrate ricorrenti annuali SaaS.

Gli effetti contabili sui ricavi differiti relativi all’acquisto interesseranno gli utili per azione non GAAP del 2021. I costi di integrazione e gli altri costi legati all’acquisizione ci si aspetta che abbiano un moderato effetto di diluzione sugli utili per azione non GAAP per il 2021. Ci si aspetta inoltre che la transizione sia neutrale per gli utili per azione non GAAP del 2022 e per il flusso di cassa e che possa generare profitti successivamente.

Citrix conta di finanziare la transazione con una combinazione di nuovo debito, investimenti e liquidità esistenti. Citrix si impegna a conservare il suo rating di merito creditizio “investment grade” e conta di tornare ai suoi soliti livelli di leva finanziaria nel giro di 24 mesi. Citrix ha ottenuto da JPMorgan Chase Bank, N.A. l’impegno per un prestito ponte senior non garantito a 364 giorni per 1,45 miliardi di dollari.

La transazione, che è stata approvata all’unanimità dai consigli di amministrazione di Citrix e Wrike si concluderà nella prima metà del 2021, soggetta alle necessarie approvazioni e ad altre condizioni di chiusura. Fino alla chiusura, le aziende continueranno a operare in maniera indipendente. Fino alla chiusura dell’accordo, Filev continuerà a essere alla guida del team di Wrike con riporto a Arlen Shenkman, EVP e Chief Financial Officer, Citrix.

Leggi anche:  Kariban sceglie Centric PLM

Advisors

J.P. Morgan Securities LLC agirà come advisor finanziario per Citrix durante la transazione e  Shearman & Sterling LLP come consulente legale. L’advisor finanziario di Wrike sarà Goldman Sachs Group & Co. LLC, and e il consulente legale Kirkland & Ellis LLP.