Clubhouse è un successo in Giappone

I dati di 1,3 milioni di utenti di Clubhouse sono finiti online

Non solo l’Italia ma anche altri paesi al mondo stanno decretando il successo dell’app di conversazione audio

Clubhouse, l’app di conversazione audio solo su invito e solo su iPhone, che ha già attratto i leader della Silicon Valley negli Stati Uniti, è diventato un vero successo in Giappone, dove CEO, musicisti politici hanno abbracciato l’ultimo fenomeno dei social media. L’app ha superato le classifiche di download del paese con oltre 440.000 nuove installazioni la scorsa settimana, secondo Sensor Towar. Altrove, in Cina, ha goduto di un breve boom prima che fosse rapidamente bloccata, con gli utenti che avevano iniziato a discutere di argomenti politicamente sensibili.

In Giappone, come altrove, il fascino di Clubhouse è stato in gran parte locale. Il produttore hip-hop e DJ Taku Takahashi ai vertici delle classifiche ha moderato jam session sperimentali per un pubblico che ha superato i 1.500 ascoltatori. La comica Naomi Watanabe ha più di 383.000 seguaci. L’esperto di salute pubblica Dr. Takahiro Kinoshita ospita uno spettacolo mattutino con virologi e risponde alle domande del pubblico. E il ministro della riforma della regolamentazione e dei vaccini Taro Kono ha recentemente partecipato a una chat con più di 1.800 ascoltatori.

Nuovo fenomeno o bolla?

“Ci sono molte persone che si sentono sole in questo momento, quindi vogliono parlare e ascoltare con gli altri” ha detto a Bloomberg Hironao Kunimitsu, fondatore e CEO della Gumi, per il quale Clubhouse è più informale e presenta meno ostacoli alla condivisione rispetto a una piattaforma come YouTube. Qualcuno però ha trovato l’app poco intuitiva. Un programmatore ha creato un gioco chiamato Crabhouse – la pronuncia è essenzialmente identica in giapponese – che è diventato un argomento di tendenza nel Paese, riflettendo l’improvvisa infatuazione dei cittadini per la nuova piattaforma. Quando il CEO di Facebook, Mark Zuckerberg, si è unito ad una chat, l’enorme richiesta ha causato problemi tecnici. Prima di lui, il capo di Tesla, Elon Musk ha condotto un’intervista improvvisata con Vlad Tenev di Robinhood Markets.

Leggi anche:  Twitter come Snapchat: Fleets per chiunque