I trend per il settore Retail per il 2021

I trend per il settore Retail per il 2021

Ridimensionamento degli store fisici

Nell’ultimo anno, complice anche l’emergenza sanitaria, si è drasticamente rafforzata la tendenza dello shopping online. Ecco che allora molti brand hanno scelto di ridurre il numero degli store fisici o di ridurne le dimensioni, contrariamente alla tendenza dei grandi “flagship store” di qualche anno fa. Molti Retailer hanno scelto anche di differenziare l’offerta dei negozi fisici, proponendo all’interno di essi una selezione ristretta di prodotti, in alcuni casi più di nicchia.

Omnichannel

Se, come appena detto, è vero che è aumentato lo shopping online, è vero anche che non si è spostato totalmente a favore dell’e-commerce, ma permane la tendenza all’omnicanalità. L’esperienza di acquisto omnichannel consente ai consumatori di ricercare, provare, acquistare e ottenere supporto sia prima che dopo gli acquisti utilizzando diversi canali, sia fisici che online. La tendenza non è più quella di scegliere tra shopping fisico e shopping online, ma quella di vivere un’esperienza ibrida tra i diversi canali: ad esempio visualizzare un prodotto sui social network, provarlo in store, acquistarlo online.

Per favorire un’esperienza che sia il più possibile fluida tra i diversi canali, esistono oggi dei sistemi software appositamente studiati per il settore Retail, come Negoziando, la suite gestionale Retail di smeup, che consentono di integrare l’e-commerce con la gestione degli store fisici.

Realtà aumentata per provare i prodotti a distanza

Uno dei punti critici dello shopping online è quello di provare i prodotti. I clienti potrebbero infatti non acquistare un prodotto per il timore di doverlo poi restituire a causa di una taglia che non veste bene. Molte aziende ovviano a questo problema offrendo spedizioni veloci e resi gratuiti. Altri retailers invece puntano sull’ausilio della Realtà Aumentata e dell’Intelligenza Artificiale per consentire ai consumatori di poter visualizzare l’immagine del prodotto come se lo stessero provando fisicamente in negozio. Specificando le proprie misure è possibile infatti ottenere un’immagine realistica di come un capo vestirà sulla propria figura.

Leggi anche:  VMware annuncia i risultati finanziari per il terzo trimestre

Mobile Payment

I dispositivi per il pagamento via mobile offrono massima flessibilità di pagamento ai clienti, che possono scegliere di pagare con carte contactless, app di pagamento tramite smartphone, portafogli digitali.

Questo tipo di tendenza era già in corso, ma l’emergenza sanitaria ha accelerato enormemente la sua adozione. I pagamenti diventano quindi senza contatto, più rapidi, più sicuri e favoriscono anche un miglioramento della gestione delle presenze nei negozi. I dispositivi per il pagamento mobile offrono infatti la possibilità di decongestionare la coda alle casse. Per esempio, Negoziando, attraverso la funzionalità POSible, consente di gestire il processo di vendita totalmente tramite smartphone, dalla consultazione delle specifiche del prodotto al pagamento e all’emissione dello scontrino digitale, contribuendo a decongestionare l’affluenza per il pagamento alle casse.

Spedizioni più rapide

Le aspettative dei clienti sui tempi di spedizione stanno diventando sempre più alte: vogliono ricevere i loro ordini il prima possibile, anche a costo di pagare di più per una consegna in giornata o più veloce. Ecco che diventa essenziale una gestione ottimale della logistica per far partire il prima possibile gli ordini ricevuti.

Social commerce

I canali dello shopping stanno approdando anche sui social network. Molte aziende hanno aperto il proprio canale e vendono i prodotti direttamente tramite i social, che sono collegati al sito di e-commerce. I consumatori possono vedere immagini e video sui prodotti, conoscerne il prezzo, consultarne le specifiche sul sito e acquistarli. Altra tendenza, nata nel corso della pandemia, è quella del live-streaming shopping, in cui il brand mostra i prodotti ai propri clienti collegati in videoconferenza, accompagnandoli virtualmente all’interno dello store e offrendo loro un’esperienza di shopping personalizzata da remoto.

Leggi anche:  Deda Cloud annuncia l'accordo per l'acquisizione di IFInet