WhatsApp renderà più chiara la modifica delle policy

WhatsApp renderà più chiara la modifica delle policy

Il prossimo aggiornamento prevede un box grafico che spiega meglio come cambiano le politiche nell’uso dell’app

Gennaio è stato un mese difficoltoso per WhatsApp. Il servizio di messaggistica di proprietà di Facebook è stato messo alla gogna per non aver consentito agli utenti di rinunciare alle sue modifiche alle politiche di utilizzo. Nel tentativo di attenuare il colpo, l’app ha persino pubblicato annunci in prima pagina su varie testate internazionali per chiarire a quali dati non aveva accesso.

Una folla di utenti non così convinti si è però accalcata verso servizi alternativi come Signal e Telegram  WhatsApp, nel tentativo di contenere il fuggi fuggi, sta lavorando ad un nuovo prompt dei termini che diffonde lo stesso messaggio trasmesso in precedenza. I ragazzi di WABetaInfo  hanno dunque individuato nell’ultima beta per Android, versione 2.21.4.13, una novità interessante. Sebbene l’avviso non sia ancora attivo, sono stati in grado di scavare nell’app per offrirne uno sguardo.

Cosa cambierà per WhatsApp

Il nuovo prompt rende più semplice, con l’aiuto della grafica, capire cosa trattano i termini di servizio. Chiarisce che la politica non influisce sulla privacy delle conversazioni personali di un utente e che WhatsApp non sarà in grado di ficcare il naso su sms o chiamate. La modifica riguarda solo le chat con attività “chiaramente etichettate” e facoltative.

Per coloro che desiderano saperne di più, ci sono collegamenti incorporati che probabilmente punteranno a documenti di supporto. Chi ha già accettato i termini una volta, probabilmente non vedrà questo nuovo messaggio ma se non si è dato l’ok prima, ci si può aspettare di imbattersi nell’avviso quando verrà integrato nel prossimo aggiornamento dell’app per Android.

Leggi anche:  Twitter: tutte le novità per le dirette video