Solo il 10% delle donne italiane che lavora nel settore tech è stato ispirato da un modello femminile

Solo il 10% delle donne italiane che lavora nel settore tech è stato ispirato da un modello femminile

Secondo quanto emerso dall’ultimo report di Kaspersky “Where are we now? Understanding the evolution of women in technology” un terzo (31%) delle donne italiane che lavora nell’industria tech ha affermato che l’assenza di quote rosa nel settore ha contribuito a scoraggiarle dall’intraprendere una carriera in questo campo

La ricerca di Kaspersky, che ha coinvolto 13.000 persone (tra uomini che donne) che lavorano nel settore IT, ha rilevato che più di un terzo delle donne italiane (39%) ha trovato lavoro in questo campo senza particolari incoraggiamenti, mentre il 37% è stato ispirato a ricoprire un ruolo in ambito tecnologico durante la formazione scolastica. Questi risultati sono i primi segnali di un cambiamento che è già in atto, ma dimostrano anche che l’attuale mancanza di quote rosa in questo settore è la causa di team di lavoro ancora poco diversificati.

Nonostante i passi positivi che sono stati fatti per ribaltare gli stereotipi di genere in questo settore, riorganizzare le strutture organizzative e modificare gli atteggiamenti a livello culturale, un cambiamento risolutivo può avvenire solo attraverso una maggiore inclusività. In assenza di modelli da seguire, è difficile per le giovani donne avere chiaro il percorso che le condurrebbe dalla scuola ad un lavoro nel settore tech fino poi a ricoprire anche ruoli più senior durante la loro carriera.

Evgeniya Naumova, Vice President of the Global Sales Network di Kaspersky, ha affermato: I risultati del report dimostrano che si tratta di un problema reale. Per le donne intervistate che hanno intrapreso la carriera nel mondo tech senza nessun modello femminile a cui ispirarsi è stato molto scoraggiante. Ma la ricerca mostra anche che, in futuro, un cambiamento è possibile. La presenza di più donne nel settore potrebbe servire da esempio e riequilibrare le diseguaglianze di genere. Questo potrebbe essere il catalizzatore in grado di accelerare il cambiamento di cui c’è un disperato bisogno”.

Leggi anche:  No gender gap! Parità di genere come potenziale economico

I risultati della ricerca dimostrano come le donne che lavorano in questo settore possano essere di esempio per le altre. L’incremento del numero di role model nel settore tech servirà a dimostrare alle giovani donne i vantaggi e le capacità che acquisirebbero grazie a una carriera in questo settore. Il 43% delle italiane intervistate ha indicato le capacità di problem-solving come abilità principale, mentre il 32% la retribuzione. Purtroppo, questi aspetti positivi non vengono ancora correttamente comunicati alle giovani che potrebbero essere interessate. Migliorare il contesto attuale significa permettere ad altre donne di accedere ed eccellere in questo settore, diventando a loro volta esempi positivi e innescando così un circolo virtuoso.

La dottoressa Patricia Gestoso, Head of Scientific Customer Support di BIOVIA, vincitrice del Women in Software Changemakers nel 2020 e membro di Ada’s List, crede che ci siano molti modi per cambiare il modo in cui le donne si approcciano a questo settore, a cominciare dal “demistificare la convinzione che tutti i lavori in ambito IT riguardino il coding”.

“Esistono molte altre opportunità come il product management, il project management, l’user experience design, il supporto e la formazione. Un’altra informazione che vale la pena sottolineare sono le abilità necessarie per avere una carriera nel settore tech. Al contrario della convinzione comune, per cui per far carriera in questo ambito le uniche competenze necessarie siano la matematica, i computer e la logica, esistono altre abilità altrettanto fondamentali come collaborazione, la comunicazione e la capacità di trattare con il cliente. È importante che questo venga messo in evidenza”.

Se supportate da adeguate misure le donne che intraprendono una carriera in questo settore un giorno potrebbero essere di esempio alle nuove generazioni. Sono stati fatti molti progressi, ma il dibattito deve continuare affinché venga definitivamente raggiunta l’uguaglianza di genere. La Giornata Internazionale della Donna è un evento importante che celebra le conquiste fatte fino ad ora e permette agli altri di supportarle. Kaspersky, insieme ad Ada’s list, organizzerà uno speciale evento online il 4 marzo 2021, per discutere i risultati del report in modo più approfondito e raccontare le opportunità e le sfide che le donne devono affrontare in questo settore, al fine di valorizzarle e sostenerle.

Leggi anche:  N-able nomina Dave MacKinnon Chief Security Officer

Maggiori informazioni e suggerimenti su come raggiungere la parità di genere nel settore tecnologico sono disponibili nel report Where are we now? Understanding the evolution of women in technology. Sul sito di Kaspersky è possibile trovare altre testimonianze delle dipendenti dell’azienda.