C’è una Fiat 500 speciale marchiata Google

C’è una Fiat 500 speciale marchiata Google

La casa ha presentato un’edizione speciale di 500, 500L e 500X, con funzionalità dedicate e dettagli con i loghi di Big G

Fiat ha lanciato versioni in edizione speciale della sua gamma di 500 con un partner insolito: Google. La famiglia “Fiat 500 Hey Google” non solo porta la tecnologia Google sulla city car, sul crossover 500X e sul monovolume 500L, ma elementi di design speciali e badge di Big G, che i fan apprezzeranno. I modelli includono l’ultima versione di Google Assistant, che consente di utilizzare il controllo vocale per la navigazione e altre funzionalità connesse, e di My Fiat Action che, in abbinamento ad un box, scatola telematica, permette di controllare a distanza le impostazioni utilizzando uno smartphone o Google Nest Hub.

Tra i comandi, si può avere il dettaglio dei livelli di carburante, la pressione dei pneumatici, la chiusura delle porte, accendere le luci di emergenza e altro ancora. Possiamo persino monitorare da remoto la posizione o i viaggi dell’auto e ricevere notifiche in caso di possibile furto o eccesso di velocità. 

Strategia di co-branding

Gli acquirenti delle edizioni speciali possono attivare i vari servizi al momento della consegna. Molte altre auto offrono l’Assistente Google con vari livelli di integrazione, ma ciò che distingue le edizioni “Fiat 500 Hey Google” è il co-branding. Tutti e tre i modelli presentano combinazioni di bicolore bianco e nero insieme a badge Hey Google sui passaruota e ricamati sui sedili. Anche i montanti centrali dell’auto sono decorati con il motivo del colore primario di Big G0.

La “Fiat 500 Family Hey Google” sarà disponibile esclusivamente in Europa in 10 paesi, Italia, Regno Unito, Spagna, Francia, Germania, Austria, Svizzera, Belgio, Paesi Bassi e Polonia, anche in versione ibrida, a partire da 18 mila euro, per arrivare agli oltre 23 mila del crossover. Tutti gli acquirenti riceveranno anche un kit di benvenuto che include un Google Nest Hub e un portachiavi personalizzato.

Leggi anche:  Snapchat non è morta: adesso ha più utenti Android che iOS