L’India ordina a Facebook e Twitter di rimuovere i post che criticano la cattiva gestione della pandemia

L'India ordina a Facebook e Twitter di rimuovere i post che criticano la cattiva gestione della pandemia

Rimossi oltre 100 post su tutte le piattaforme nel mezzo della più pericolosa ondata di contagi per il Paese (e non solo)

L’India è attualmente nel mezzo di una pericolosa ondata di coronavirus con oltre 300 mila casi registrati ogni 24 ore negli ultimi giorni. Le bacheche dei social media sono piene di richieste di ossigeno, letti ospedalieri e medicinali. Nella capitale, Nuova Delhi, gli ospedali hanno dovuto  bussare alla porta dei tribunali per richiedere l’assistenza del governo per l’approvvigionamento di ossigeno. Gli adulti di età superiore ai 18 anni potranno ricevere il primo vaccino solo a partire dal mese prossimo. Mentre il mondo sta guardando tutto questo svolgersi, praticamente senza molto da poter fare, l’India ha ordinato a piattaforme di social media come Facebook e Twitter di  rimuovere più di 100 post critici della gestione governativa della pandemia.

Comunicazione della crisi

L’elenco sul database Lumen, un sito che elenca gli ordini di rimozione social, suggerisce che alcuni tweet soggetti a restrizioni contenevano immagini sensibili, come i terreni di cremazione (anche sotto forma di illustrazioni), una foto apparentemente falsificata del cartellone del Bharatiya Janata Party al potere e un donna anziana seduta con una bombola di ossigeno. In realtà, è difficile conoscere il motivo esatto dietro le richieste del governo poiché questi ordini sono protetti dalle leggi indiane. L’India ha lanciato le sue nuove regole sui social media a febbraio. Queste indicano alle piattaforme di affrontare le richieste di rimozione entro 36 ore se le autorità forniscono un ordine valido. Tuttavia, proprio le ragioni dietro gli ordini sono segreti,  dunque non c’è modo di sapere perché alcuni post vengono rimossi. Facebook e Instagram non hanno commentato la questione in questo momento.

Leggi anche:  Clubhouse è un successo in Giappone