PATREON, round di finanziamento Serie F di 155 milioni di dollari

PATREON, round di finanziamento Serie F di 155 milioni di dollari
Jack Conte, CEO e co-fondatore di PATREON

PATREON è pronta a incrementare il futuro della creator economy grazie a un finanziamento aggiuntivo di 155 milioni di dollari

PATREON, la piattaforma dedicata ai creator e ai loro fan più appassionati, ha annunciato oggi di aver ottenuto un round di finanziamento di Serie F per 155 milioni di Dollari, versati dal nuovo investitore Tiger Global Management, con la partecipazione di Woodline Partners e degli investitori esistenti Wellington Management, Lone Pine Capital, New Enterprise Associates (NEA), Glade Brook Capital e DFJ Growth. Questo investimento arriva in concomitanza con una continua crescita globale di nuovi creator iscritti alla piattaforma, insieme alla voglia di creare una connessione più profonda con i fan. L’investimento aggiuntivo accresce il valore di PATREON, ora pari a 4 miliardi di Dollari.

“Quando Sam e io abbiamo dato inizio a PATREON otto anni fa, stavamo risolvendo un problema evidente: ridurre drasticamente il gap tra l’impatto che i creator hanno sul mondo e ciò che ottengono come compenso alla fine del mese,” ha dichiarato Jack Conte, CEO e co-fondatore di PATREON. “Quel mondo sta diventando rapidamente una realtà, e la classe creativa emergente sta già scalando i propri sogni. Abbiamo iniziato puntando sui contenuti e sulla valorizzazione delle community, ma nella prossima decade intendiamo costruire una infrastruttura di creator in grado di supportare un Secondo Rinascimento.”

PATREON intende utilizzare i fondi aggiuntivi per accelerare i progressi delle iniziative indicate nel suo annuncio del round di Serie E, che includono una nuova esperienze per i creator e per i fan migliorate sia su versione desktop sia su mobile; espansione internazionale; e nuovi tool per la fruizione di contenuti. Inoltre, il finanziamento consente a PATREON di esplorare potenziali acquisizioni per espandere le proprie capacità in termini di talent e di prodotti.

Leggi anche:  Pexip e il mercato italiano

“Il mondo si sta evolvendo verso una direzione basata sulla creator economy, di cui Patreon è da tempo un sostenitore. E questa è un’opportunità significativa per il team di continuare a porsi come avanguardia,” ha dichiarato Evan Feinberg, Partner, Tiger Global Management. “Riteniamo che PATREON possa essere una compagnia trasformatrice, capace di definire una nuova cultura, e siamo entusiasti di collaborare con loro.”

Se la pandemia è stato un catalizzatore per la crescita della creator economy, PATREON, sin dalle sue origini nel 2013, ha tracciato la strada per l’indipendenza creativa. Oggi PATREON ospita più di 200,000 creator di ogni categoria – podcast, video, musica, arte visiva, scrittura e altro ancora – che stanno condividendo e monetizzando le proprie creazioni, mentre coltivano una connessione più profonda con i propri fan più fedeli. Nel 2020 PATREON ha aggiunto nuove lingue, valute, funzionalità di messaggistica, merchandise e sottoscrizioni annuali, migliorando l’esperienza dei fan a nome dei creator provenienti da tutte le parti del mondo. I creator, d’altro canto, hanno visto crescere i propri guadagni considerevolmente nell’ultimo anno su PATREON, e oggi stanno guadagnando oltre 100 milioni di dollari al mese, da 7 milioni di sostenitori (patron).

Anche in Italia, il nuovo modello di finanziamento è stato già adottato da migliaia di creativi che si muovono nei diversi ambiti con ottimi risultati in termini di guadagno su base mensile. La piattaforma è attiva da gennaio anche in lingua italiana ed è impegnata nella costruzione di una struttura interna dedicata al mercato italiano, con risorse umane dedicate per l’espansione e la crescita anche nel Belpaese.