Perché Twitter è stato bloccato in Nigeria

Anche Twitter vira verso i Bitcoin

Dopo che il social network ha cancellato un tweet del presidente, la piattaforma è stata vietata nel Paese

Twitter è sospeso “a tempo indeterminato” in Nigeria, “per l’uso persistente della piattaforma in attività in grado di minare l’esistenza della Nigeria”, secondo una dichiarazione del ministro dell’informazione e della cultura del paese. Curiosamente, il messaggio è stato postato proprio su Twitter. La mossa arriva giorni dopo che la piattaforma ha rimosso un tweet minaccioso del presidente Muhammadu Buhari che, stando a Twitter, ha violato la sua politica di comportamento.

Sabato, l’ufficio del procuratore generale e del ministero della giustizia della Nigeria ha dichiarato che avrebbe arrestato e perseguito chiunque avesse cercato di aggirare il divieto. Le forze dell’ordine hanno inoltre invitato le agenzie governative a cooperare con i pubblici ministeri “per garantire la rapida persecuzione dei trasgressori senza ulteriori ritardi”. 

Blocco inatteso

Diverse notizie provenienti dalla Nigeria riferiscono come molte persone stiano utilizzando le VPN per cercare di evitare il divieto e continuare a utilizzare Twitter. Nel tweet cancellato, Buhari affermava di voler punire i secessionisti. “Molti di quelli che si comportano male oggi sono troppo giovani per essere consapevoli della distruzione e della perdita di vite avvenute durante la guerra del Biafra”, ha scritto. “Quelli di noi nei campi per 30 mesi, che hanno attraversato la guerra, li tratteranno nella lingua che capiscono”. Buhari è stato un generale maggiore durante la guerra del Biafra, che ha causato la morte di oltre un milione di persone.

Secondo un rapporto del 2020 di Amnesty International, le autorità nigeriane “hanno utilizzato leggi repressive per molestare, intimidire, arrestare e detenere difensori dei diritti umani, attivisti, operatori dei media e critici. Anche attori non statali hanno sottoposto i giornalisti a intimidazioni, molestie e percosse”.

Leggi anche:  Twitter scimmiotta Reddit con il lancio della sua funzione “Community”