SB Italia e Wacom: digitalizzazione oltre i confini dell’azienda grazie alla firma grafometrica

SB Italia e Wacom: digitalizzazione oltre i confini dell'azienda grazie alla firma grafometrica

La Digital Innovation Company con la sua soluzione AgileSign e l’Azienda Leader nella produzione di tavolette grafiche, insieme per offrire un sistema di firma grafometrica efficace e sicuro

Ottimizzare la gestione dei processi che implicano il coinvolgimento di soggetti esterni all’azienda, clienti o fornitori, guadagnando tempo e migliorando la produttività: con questo proposito è nata la collaborazione tra SB Italia, Digital Innovation Company che realizza soluzioni IT all’avanguardia per le aziende che desiderano innovare e Wacom, azienda leader nella produzione di tavolette per la firma grafometrica.

Nel processo di digitalizzazione delle imprese, la firma grafometrica rappresenta uno strumento di notevole utilità, consentendo la trasformazione in digitale del “momento di firma”, uno dei passaggi più critici degli iter operativi in digitale, un vero e proprio collo di bottiglia che spesso ne determina l’interruzione. Da dove deriva questa criticità? Si tratta innanzitutto di un processo che fino a poco tempo fa non era dematerializzabile: la firma olografa rappresentava l’unica possibilità di ottenere una firma formalmente e giuridicamente valida. Oggi, è possibile l’apposizione di una firma ugualmente legittima anche con strumenti digitali, rispettando le regole definite dalla normativa in base alla tipologia scelta.

Per poter essere apposta, la firma grafometrica necessita di un dispositivo ad hoc, una tavoletta grafica munita di una penna, che sia in grado di rispettare alcune importanti specifiche. Quando si parla di firma elettronica avanzata, il dato prodotto è di tipo biometrico: questo significa che vengono raccolte le caratteristiche del tratto come la pressione e la velocità. A livello normativo, questi dati sono equiparati ai dati personali e pertanto devono essere protetti con certificati emessi da una certification authority riconosciuta.

Leggi anche:  L’etica è vitale per una diffusione responsabile dell'Intelligenza Artificiale

La scelta di affidarsi a Wacom è stata dettata dall’affidabilità di un’offerta in grado di gestire in modo sicuro il documento così come i dati biometrici di chi appone la firma: Wacom garantisce infatti estrema qualità su ogni sua tavoletta, da quelle in bianco e nero o colore da 5 pollici fino ai modelli da 10 pollici o superiori. Si tratta di device avanzati, composti da un pannello con sensore capacitivo e da una penna wireless senza batteria che si attiva tramite risonanza magnetica. Inoltre, tutte le tavolette includono nativamente un sistema di crittografia che permette di raccogliere e trasferire in modo sicuro tutti i dati, soprattutto quelli biometrici. “Il nostro punto di forza è quello di riuscire a rendere l’esperienza utente – nel momento in cui occorre apporre una firma – molto vicina all’utilizzo classico di carta e penna. Parliamo infatti di “more human more digital”: la persona è sempre al centro della nostra tecnologia”, sottolinea Fabrizio Corno, Senior Account Manager Italy di Wacom.

“La piattaforma di SB Italia AgileSign consente di gestire l’intero processo documentale di approvazione e firma di un documento. L’integrazione con la piattaforma di ECM Docsweb offre inoltre l’opportunità di realizzare progetti di trasformazione digitale sulle organizzazioni, nel rispetto dei sistemi informativi già in essere. È importante garantire l’integrazione della firma grafometrica con i sistemi informativi dell’organizzazione in cui si inserisce”, osserva Pablo Pellegrini, Business Unit Manager Process and Document Automation & BPO di SB Italia. “Nel caso dei prodotti Wacom, l’integrazione con la nostra piattaforma è molto efficace e dopo la firma il processo si conclude con la conservazione digitale sempre presso SB Italia, operatore accreditato AgID.”