Microsoft ha rilasciato Windows 11

Google Play in arrivo su Windows 10 e 11 nel 2022

Come installare il big update per i computer supportati

Windows 11 è finalmente arrivato. Sebbene la data di uscita ufficiale fosse il 5 ottobre, alcuni hanno potuto aggiornare al nuovo sistema operativo anche qualche ora prima, quando era ancora il 4 di ottobre. Altri invece, si ritrovano ancora oggi ad aspettare, per via del ‘traffico’ di milioni di utenti che stanno scaricando il pacchetto. Ad ogni modo, ci sono diversi modi per installare il big update. Sebbene il software non sarà disponibile per tutti gli utenti di Windows 10, chi dispone di un PC relativamente recente, può già vedere l’avviso sulla barra delle notifiche. In alternativa, si va in Impostazioni> Aggiornamento e sicurezza> Windows Update, per verificare se sono disponibili aggiornamenti.

Le novità

Se l’opzione non viene visualizzata, bisognerà installare l’app PC Health Check di Microsoft. Questa farà sapere se il PC è ufficialmente supportato e, in caso contrario, spiegherà perché. Il motivo è che Windows 11 ha requisiti molto specifici, il che significa che vecchi PC non saranno supportati anche se tecnicamente hanno il potere di eseguire il sistema operativo. Microsoft sta anche rendendo questo lancio molto graduale.  La società afferma che si aspetta che tutti i dispositivi idonei vedranno l’opzione di aggiornamento “entro la metà del 2022”.

Anche se la maggior parte di coloro che desiderano eseguire l’aggiornamento vedranno l’opzione molto prima, visto che un anno e mezzo potrebbe essere un periodo di attesa fin troppo lungo. Per coloro con PC compatibili che non vedono ancora l’opzione per l’aggiornamento, è possibile accelerare il processo utilizzando il nuovo strumento di installazione assistita di Microsoft. Questa app praticamente fa saltare la fila e permette di scaricare Windows 11 subito, anche se eseguirà comunque un’analisi, per assicurarsi che l’hardware sia compatibile.

Leggi anche:  Toyota Motor sceglie la piattaforma cloud di Nutanix per abilitare nuove modalità di lavoro