DuckDuckGo impedirà alle app di tracciare gli utenti Android

DuckDuckGo impedirà alle app di tracciare gli utenti Android

App Tracking Protection è la funzione integrata nel browser della società focalizzata sulla privacy

Un nuovo strumento di DuckDuckGo mira a impedire alle app di tracciare gli utenti Android. Il tool, chiamato App Tracking Protection, spera di offrire una maggiore protezione dai tracker di terze parti rispetto alla funzione App Tracking Transparency di Apple, che offre alle persone la possibilità di disattivare il tracciamento dei dati all’interno delle app. Tuttavia, la versione di DuckDuckGo non è stata integrata come parte di un aggiornamento per tutti i telefoni Android, né è disponibile come download separato: è insita nel browser omonimo, ma funziona su tutto il dispositivo. In un post sul suo blog , la società afferma che lo strumento bloccherà i “tracker che identifica in app di terze parti”.

Una volta abilitata la protezione dal tracciamento delle app, verrà eseguita in background mentre si usa il telefono. Lo strumento riconosce quando un’app sta per inviare dati a un tracker di terze parti e quindi impedisce di catturare le informazioni sullo smartphone. DuckDuckGo afferma che “lavora continuamente per identificare e proteggere dai nuovi tracker” il che significa che i dati dovrebbero essere tenuti lontani da eventuali nuovi tracker che emergono di volta in volta.

Dall’app DuckDuckGo, si potrà vedere una vista in tempo reale dei tracker che lo strumento ha bloccato, insieme a dove sarebbero finiti, qualora estrapolati dalle aziende. Secondo lo sviluppatore, sebbene l’anti-tracking non sia una rete privata virtuale, il dispositivo si comporterà come se lo fosse. “Questo perché App Tracking Protection utilizza una connessione VPN locale, che ne riproduce il funzionamento di una vera e propria virtuale. Tuttavia, la protezione dal tracciamento delle app è diversa dalle VPN perché non instrada mai i dati attraverso un server esterno” spiega l’azienda.

Leggi anche:  Anche Twitter vira verso i Bitcoin