Oracle, come cambiano pianificazione e controllo in ambito finance

Oracle, come cambiano pianificazione e controllo in ambito finance

Nuovi modelli di business da approcciare con le giuste tecnologie: il webinar di Oracle

Nell’ultimo biennio, i cambiamenti in atto nel mondo del finance hanno posto all’attenzione degli esperti tre temi principali. Il primo riguarda i nuovi modelli di business. Pensiamo a come oggi vengono offerti i prodotti-servizi, al boom della servitization, al business dell’e-commerce e dell’omnicanalità. L’interazione tra l’azienda e il mercato evolve, con un impatto significativo sulla funzione e sui processi finance. La seconda area rispecchia l’incremento della dinamicità con cui le imprese perseguono la crescita. Tra acquisizioni, outsourcing, spin-off e altre operazioni simili, è abbastanza evidente la volontà dei soggetti di crescere in maniera accelerata, dando nuovo significato al concetto stesso di ascesa sul mercato. L’ultimo punto riguarda la crisi vissuta dalle supply chain che operano in un mercato globalizzato. Se prima del Covid la globalizzazione aveva permesso di semplificare molti dei flussi organizzativi delle aziende, la pandemia ha messo in evidenza la necessità di ottimizzare le catene di fornitura e di approvvigionamento, con logiche più in linea con le sfide presenti e future. Il finance è sufficientemente agile e flessibile per approcciare, con modalità rinnovate, queste trasformazioni?

Le chiavi di lettura

Collaborare, estendere e connettere, sono le tre chiavi di lettura che Oracle ha deciso di seguire per discernere i cambi di paradigma in atto nel finance, così da coglierne i trend e proporre nuove strade da seguire. «Quando si parla di pianificazione e controllo – ci dice Edilio Rossi, Digital Finance Solutions Sales Development Director di Oracle – non possiamo che considerare la difficoltà che i diversi ruoli aziendali hanno dovuto affrontare per condividere i processi di business. Virare verso la collaborazione è quindi un’urgenza esistente, così da implementare concretamente i consensi tra divisioni, oggi alla base di una corretta ed efficace strategia aziendale e di un execution rapida ed efficiente».

Leggi anche:  Doppio vantaggio: come la creazione di gemelli digitali aiuta le banche

Vale la pena ricordare come la pianificazione e l’analisi finanziaria (FP&A) vengano riconosciute quali strumenti essenziali per guidare il successo aziendale. In un momento in cui l’agilità è al centro della scena, il paradigma FP&A sta lasciando il posto alla nuova disciplina della pianificazione e dell’analisi estese (xP&A). Come mai? Perché in un mondo in cui l’agilità è fondamentale, il feedback in tempo reale non solo diventa attuabile ma necessario. A consolidamento di ciò, basta ricordare cosa hanno sottolineato di recente gli analisti Robert Anderson e John Van Decker: “Entro il 2024, il 70% dei nuovi progetti FP&A assumerà i contorni della pianificazione e analisi estesi (xP&A), ampliando il loro ambito oltre il dominio finanziario ad altre aree della pianificazione e dell’analisi aziendale”.

Un passo verso il cambiamento

Le tecnologie digitali, come quelle di Oracle, si focalizzano su modelli, processi e persone. «L’utilizzo del machine learning e dell’intelligenza artificiale, così come delle tecnologie di data science e di predictive forecasting, ci permette di modellare gli scenari e aumentare la precisione ed affidabilità delle previsioni, riducendo il rischio e i tempi di latenza decisonale nelle situazioni che ci si pongono dinanzi». Per i processi, la volontà è quella di realizzare dinamiche di pianificazione orchestrate e condivise, che acquistino flessibilità e versatilità, proprio prendendo vantaggio dalle piattaforme tecnologiche in Cloud di ultima generazione. «Infine il tema del change management che, soprattutto nell’ultimo periodo, ha assunto un valore determinante per il successo del business. Le persone devono essere accompagnate verso l’utilizzo di nuove modalità di interazione, permeate di chatbot, di suggerimenti forniti all’utente direttamente dalle applicazioni e di insight personalizzati. Non si tratta solo di user interface ma di un modo diverso di lavorare, dove i ruoli possono cambiare in ottica di ottimizzazione delle risorse».

Leggi anche:  Dedagroup Business Solutions presenta B-Value

Di questo e di molto altro si parlerà il 22 novembre al terzo e ultimo webinar di Oracle dedicato ai processi digitali di pianificazione e controllo in ambito finance, con target CFO e CIO. Questo, come i precedenti, fa parte di un ciclo dedicato al tema ‘Big Moves for recovery’ e gode del patrocinio di ANDAF.