Perché Netflix rischia la chiusura in Russia

Netflix aumenta i prezzi per la sesta volta dal 2014

La piattaforma sotto accusa per la classificazione sull’età consigliata per la visione dei contenuti

La polizia russa indagherà su Netflix per la presenza, sulla piattaforma, di un presunto contenuto che contiene la cosiddetta “propaganda gay” senza etichettarla correttamente. Il governo ha confermato a quotidiani locali che entro 30 giorni esaminerà una denuncia contro il servizio di streaming, presentata da Olga Baranets, il Commissario pubblico per la tutela della famiglia. Secondo quanto riferito, Baranet ha contestato il fatto che Netflix abbia contrassegnato alcuni dei suoi contenuti a tema LGBT con una valutazione 16+. Le leggi attuali consentono la trasmissione o lo streaming di contenuti “devianti”, ad eccezione della pedofilia, con un punteggio 18+. La “colorata collezione di film e serie TV di Netflix racconta la vita di gay, lesbiche, bisessuali e transgender” ha detto Baranets al sito russo Vedomosti.

Ma la pubblicazione riferisce, citando una fonte Netflix senza nome, che la piattaforma non ha trovato alcun contenuto LGBT con una classificazione per età 16+ durante una revisione interna. All’inizio di novembre, un tribunale di Mosca ha multato il canale di video musicali Muz-TV con 1 milione di rubli (14.000 dollari) dopo che un suo spettacolo di premi presentava star che cambiavano genere e la riproduzione di un matrimonio tra persone dello stesso sesso. Sebbene gli attivisti per i diritti umani, così come gli stati occidentali, critichino la legge sulla “propaganda gay” del 2013, la base di sostegno socialmente conservatrice del presidente Vladimir Putin l’ha ampiamente supportata, con sondaggi di opinione che mostrano atteggiamenti anti-LGBT radicati. 

La definizione di matrimonio, come unione tra un uomo e una donna, è sancita anche dalla costituzione russa a seguito di un voto nazionale sugli emendamenti costituzionali nel 2020. L’indagine di Netflix segue il rapporto di Vedomosti all’inizio di questo mese secondo cui il controllore russo sta considerando di vietare radicalmente programmi televisivi e film considerati illecite sulle piattaforme di streaming. Le sue regole proposte influenzerebbero per la prima volta lo streaming online.

Leggi anche:  Schneider Electric presenta EcoStruxure Automation Expert