La sicurezza come priorità

Cyber Guru, occorre “immunizzare” la propria forza lavoro dal pericolo cyber

Cyber Guru, occorre “immunizzare” la propria forza lavoro dal pericolo cyber

La pandemia ha contribuito ad allargare il fronte degli attacchi informatici ai lavoratori da remoto e il numero delle minacce rilevate è salito notevolmente. Ma quali sono i modi per affrontare correttamente la sicurezza in azienda? La risposta arriva da Cyber Guru, che è in prima linea nel rendere più sicuri i comportamenti digitali delle persone, dentro e fuori le imprese. «La pandemia e lo smart working hanno contribuito a rendere ancora più vulnerabile il fattore umano, ma il fenomeno era già esistente e sopravvivrà anche alla fine dell’emergenza sanitaria – ci spiega Debora De Cosmi, Customer Service Team director di Cyber Guru. «Il rafforzamento delle difese tecnologiche ha concentrato l’attenzione delle organizzazioni criminali sull’autentico anello debole della catena difensiva: l’utente, con i suoi comportamenti non ancora all’altezza della sfida. La percentuale di attacchi cyber riconducibili a errori comportamentali ha già superato la soglia del 95%, dimostrando che la vera priorità per chiunque si occupi di sicurezza è ormai quella di agire efficacemente sulla consapevolezza e sulla percezione del pericolo cyber dei propri dipendenti e collaboratori».

Tuttavia, l’aumento dei costi di data breach è un’altra spesa che si aggiunge a quelle che le aziende hanno già dovuto affrontare, sulla scia dei rapidi cambiamenti causati dall’emergenza pandemica. In che modo, quindi, è possibile far comprendere alle imprese che investire in sicurezza significa tutelarsi per il futuro? «Noi vogliamo essere molto ottimisti su questo punto, perché la rapida crescita che la nostra azienda ha avuto a partire dal 2020 ci conferma che la sensibilità rispetto al fenomeno cyber è cresciuta notevolmente in tutte le organizzazioni, pubbliche o private, grandi o piccole. La cybersecurity è ormai un tema strategico ed è sempre più evidente che non esiste innovazione digitale senza sicurezza» – dichiara Debora De Cosmi. «Del resto, i casi più eclatanti di attacchi ransomware avvenuti nell’ultimo periodo hanno reso evidente che quello che è in gioco è spesso il futuro della stessa organizzazione. Inoltre, credo che ormai sia chiaro a tutti che ci troviamo nel pieno di una sorta di pandemia digitale e che in questa situazione sia sempre più importante “immunizzare” la propria forza lavoro».

Leggi anche:  Logistica e trasporti: rivoluzione in movimento

INVESTIRE IN FORMAZIONE

In tema cyber security awareness, Cyber Guru punta a sensibilizzare le aziende sulla necessità di agire efficacemente sul fattore umano, investendo in programmi formativi e addestrativi in grado di coinvolgere l’utente in un percorso evolutivo, basato su una metodologia di formazione continua e adattiva. Oggi, la piattaforma Cyber Guru propone al mercato tre soluzioni integrate ma che possono essere implementate anche in momenti diversi:

  • Cyber Guru Awareness, un innovativo sistema integrato di e-learning che consente di coinvolgere tutta l’organizzazione in un percorso di apprendimento.
  • Cyber Guru Phishing, un sistema di apprendimento esperienziale adattivo, con una funzione anti-phishing, che produce risultati efficaci grazie alla sua metodologia avanzata e alle caratteristiche di automazione e di intelligenza artificiale.
  • Cyber Guru Channel, un percorso di formazione video, costruito su una metodologia induttiva, realizzato con tecniche di produzione tipiche delle serie TV e basato su uno storytelling particolarmente coinvolgente.