Tesla, per la prima volta l’autopilota citato in un caso di incidente fatale

Tesla, per la prima volta l’autopilota citato in un caso di incidente fatale

Secondo nuove indagini, la tecnologia era attiva ma non ha evitato il passaggio con il semaforo rosso

Un proprietario di Tesla sta affrontando le prime accuse di reato, per un incidente mortale, che coinvolgono l’utilizzo dell’autopilota del veicolo. Kevin George Aziz Riad, stava guidando una Model S quando è passato con il semaforo rosso e si è schiantato contro una Honda Civic a un incrocio in California nel 2019.

Ha finito per uccidere i due passeggeri della Civic, mentre Riad e il passeggero hanno subito solo delle lesioni. I pubblici ministeri della California hanno presentato due accuse di omicidio stradale contro Riad nell’ottobre dello scorso anno.

Secondo quanto riferito, i documenti del tribunale non menzionavano nulla sull’autopilota. Tuttavia, la National Highway Traffic Safety Administration (NHTSA), che ha indagato sull’incidente negli ultimi due anni, ha recentemente confermato che la tecnologia, attivata al momento dell’incidente, potrebbe aver svolto un ruolo nell’incidente.

L’NHTSA ha aperto formalmente un’indagine nel sistema di assistenza alla guida di Tesla nell’agosto dello scorso anno a seguito di una serie di 11 incidenti che hanno coinvolto veicoli, che hanno ucciso 17 persone. L’organo sta inoltre indagando su altri tipi di incidenti con veicoli Tesla, inclusa una denuncia che incolpa la versione beta della tecnologia Full Self Driving per una collisione sempre in California.

Come osserva AP, Riad è il primo ad affrontare accuse che coinvolgono una tecnologia di assistenza alla guida ma non il primo di cui si parla negli Usa. Nel 2020, un autista Uber è stato accusato di omicidio colposo dopo che il veicolo autonomo dell’azienda ha colpito e ucciso un pedone in Arizona. Secondo un’indagine del National Transportation Safety Board (NTSB), la tecnologia di Uber ha rilevato la vittima più di cinque secondi prima dell’incidente ma non è stata in grado di identificarla come un pedone.

Leggi anche:  WhatsApp consentirà di spostare le chat da Android a iOS

L’autista avrebbe potuto evitare l’incidente se avesse prestato attenzione. L’NHTSA ha dichiarato ad AP che “ogni veicolo richiede che il conducente umano abbia sempre il controllo” anche se ha un sistema parzialmente automatizzato.