Zucchetti punta su automotive, security e IoT con GuardOne Italia e KFT

Zucchetti punta su automotive, security e IoT con GuardOne Italia e KFT

La prima azienda italiana di software, con l’obiettivo di focalizzare le proprie strategie di crescita nei mercati dell’automotive e della security, ha scelto di cedere le quote di Macnil e del marchio GT Alarm, orientato al mercato consumer di distribuzione di antifurti per veicoli, e di investire su GuardOne Italia e KFT, due realtà consolidate nel campo dell’offerta B2B

GuardOne Italia, situata a Burago di Molgora (MI) eroga innovativi servizi sia di Fleet Management a 360°, sia di sorveglianza e sicurezza ai massimi livelli di certificazione grazie a centrali operative H24.

KFT, con sede a Busto Arsizio (VA), progetta e sviluppa soluzioni in ambito automotive in grado di coprire tutte le applicazioni di mobilità, con elevata specializzazione nell’ambito della localizzazione satellitare e in quello assicurativo.
Le due società, che generano un fatturato di circa 10 milioni di euro con un portafoglio di oltre 4.000 aziende, avranno il compito di ampliare l’offerta Zucchetti nei settori automotive e security mediante la tecnologia IoT.

“Nell’ambito della nostra strategia di crescita nel settore automotive, anche mediante linee esterne, abbiamo deciso di puntare su aziende focalizzate verso una clientela B2B – ha dichiarato Alessandro Zucchetti, presidente Zucchetti – e caratterizzate da offerte verticali sinergiche con quelle delle altre società del gruppo in ambito logistica e trasporti.  GuardOne Italia e KFT sono le società funzionali a questo scopo, in quanto da anni sviluppano soluzioni e servizi digitali per imprese operanti nel campo della sicurezza e della gestione flotte mediante dispositivi di radiofrequenza e localizzazione satellitare. La volontà di focalizzarci su un’offerta rivolta esclusivamente alle aziende ci ha indotto di conseguenza a cedere le quote di Macnil ai precedenti proprietari e il relativo marchio GT Alarm, concentrato sul mercato consumer di distribuzione di antifurti per veicoli”.

Leggi anche:  Dynatrace acquisisce SpectX, accelerando la convergenza tra sicurezza e osservabilità

“GuardOne Italia e KFT sono delle eccellenze dal punto di vista dell’Internet of Things e della Security – ha dichiarato Mauro Fasoli, amministratore GuardOne Italia e KFT – e l’acquisizione avvenuta da parte della capogruppo Zucchetti rappresenta sicuramente una fondamentale garanzia di continuità per le soluzioni utilizzate dai nostri clienti, che per la maggior parte sono aziende dei settori automotive e trasporti. L’obiettivo è quello di massimizzare le sinergie con il primo gruppo italiano di Information Technology sviluppando integrazioni sia con la componente d’offerta lato ERP sia sul fronte della gestione del personale, con un focus specifico sulla HR Mobility, che richiede sempre più strumenti di localizzazione satellitare per il monitoraggio e le rilevazioni dei mezzi di trasporto aziendali, dalle flotte auto alla micromobilità”.